×
1 393
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Customer Engagement Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Operation Manager/Director
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta Human Resources Generalist (Creative Talents)
Tempo Indeterminato · MILANO
SETTORE BELLEZZA
CRM Specialist (Sede Origgio)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
RETAIL SEARCH SRL
Direttore Boutique Lusso Firenze
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Learning & Development Specialist
Tempo Indeterminato ·
JIMMY CHOO
Stock Controller
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
PVH ITALIA SRL
E-Commerce Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Wholesale Account Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Facility & IT Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PHILIPP PLEIN
Vip Key Account Manager / Online Sales Associate
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
E-Commerce Coordinator
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
(Junior) Marketplace Manager (Farfetch)
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
(Junior) Marketplace / Multichannel Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Export Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Industrializzatore
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Menswear Brand Sales Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Expansion Manager Nord
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Digital Customer Care Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
Pubblicità
Pubblicato il
8 dic 2015
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Botto Giuseppe: con la statunitense Maiyet per il cashmere “Fair”

Pubblicato il
8 dic 2015

Il lanificio Botto Giuseppe di Valle Mosso (BI) è diventato l'interlocutore privilegiato del progetto “Fair”, un cashmere realizzato dal fornitore statunitense Maiyet. La materia prima, proveniente dalla Mongolia (terzo produttore al mondo di questa fibra), è sostenibile dal punto di vista etico e ambientale.

Il cashmere "Fair". Foto: Kerry Dean


Uno degli obiettivi di Maiyet (marchio statunitense di moda e lusso che propone rarità artigianali provenienti da diverse nazioni), che acquista il cashmere alla fonte, senza intermediari, è quello di sostenere gli allevatori locali di capre del deserto del Gobi e di migliorarne la qualità della vita con contributi tangibili. La stessa azienda, con base a New York e presieduta da Kristy Caylor, provvede alla vaccinazione delle capre e alla loro disinfezione in partnership con il Gobi Revival Fund.

Del resto, il biellese, ricco di acque a basso contenuto di sodio e minerali – quindi molto leggere – è l'ambiente perfetto per la creazione di un filato allo stesso tempo forte e soffice.

www.bottogiuseppe.com


Il cashmere “Fair” ha ottenuto la certificazione “Cradle to Cradle” di livello 'Bronzo' ed è in attesa del livello 'Oro' (unico filato di cashmere attualmente certificato secondo questi principi). “Cradle to Cradle” è un rigoroso sistema di certificazione per prodotti innovativi nell'intera filiera e utilizza 5 criteri per valutarne il livello di sviluppo durevole: rifiuti, salute, consumo energetico, risorse idriche (intese come spreco e inquinamento delle acque) e utilizzo delle risorse umane.

Nato nel 1876, il brand Botto Giuseppe produce tessuti e filati pregiati, ma nel corso degli anni ha arricchito la sua produzione con il jersey e i filati da maglieria, fino a raggiungere l'attuale assetto verticale, nel senso di una produzione dal filato al prodotto finito nei suoi due stabilimenti di Valle Mosso e Tarcento (quest'ultimo dedicato alla filatura), entrambi attivati con l'energia idroelettrica prodotta dalla diga di Tarcento e con vaste superfici di pannelli solari.

www.fairbymaiyet.com/gallery


L'azienda biellese è oggi una realtà internazionale, che raggiunge il 60% del fatturato (pari a quasi 60 milioni di euro nel 2014) sui mercati esteri, con Germania, Stati Uniti, Cina, Giappone, Francia e Corea del Sud su tutti. Botto Giuseppe partecipa alle più importanti fiere del settore: Milano Unica, Pitti Filati, Intertextile Shanghai e Spinexpo.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.