×
1 543
Fashion Jobs
JENNIFER TATTANELLI
Responsabile Ufficio Prodotto
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Shoes Costing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · TORINO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · GENOVA
CONFIDENZIALE
Sales Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Responsabile Produzione e Avanzamento Produzione
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Export Manager Usa
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
PAUL&SHARK
Area Manager Outlet - Centro Sud
Tempo Indeterminato · VARESE
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
Di
Reuters
Pubblicato il
17 feb 2013
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Bottega Veneta: l'Europa è una vetrina per la Cina

Di
Reuters
Pubblicato il
17 feb 2013

Il marchio italiano Bottega Veneta ha intenzione di effettuare investimenti di portata simile in Europa Occidentale e nei Paesi emergenti nei prossimi anni, anche se le vendite stanno crescendo rapidamente sui "nuovi mercati", ha dichiarato il suo amministratore delegato Marco Bizzarri, che in passato ha diretto il marchio Stella McCartney dal 2005 al 2009.

Bottega Veneta non è interessata al lusso ostentato (Foto: Bottega Veneta)


Bottega Veneta, rinomata per il suo abbigliamento di alta qualità e i suoi prodotti in pelle, i cui prezzi partono da circa 5.000 euro ($ 6.700), è il secondo marchio di lusso del gruppo PPR (dietro a Gucci) in termini di vendite, ma è anche il suo più redditizio.

La società ha aperto 26 negozi nel 2012 e dispone di 196 boutique in tutto il mondo, ma sono in atto progetti per aumentare la dimensione della sua catena di store del 10-15% l'anno, ha detto il 50enne CEO Marco Bizzarri.

"Sono convinto che i consumatori dei mercati emergenti compreranno lì (proprio nei mercati emergenti) se vedono che il marchio è ben posizionato in Europa", Bizzarri ha dichiarato Bizzarri intervistato nel flagship di Parigi del marchio, in Avenue Montaigne. "Abbiamo investito in Europa e nei mercati emergenti", ha aggiunto, dicendo che i turisti di solito rappresentano la metà o più di tutti gli acquirenti di beni di lusso nella regione.

Le marche di orologi e gioielli appartenenti ai gruppi di lusso Richemont, LVMH e Swatch hanno recentemente aperto negozi in quelle capitali europee, e in particolari città, che i turisti cinesi, i più grandi acquirenti di beni di lusso, amano visitare, come Londra, Milano e Parigi.

Le vendite di Bottega Veneta, oltre l'85% delle quali sono dovute alla pelletteria, sono aumentate del 52% in Cina lo scorso anno, del 37% in Europa, Medio Oriente e Africa, e del 27% negli Stati Uniti d'America.

I risultati annuali del gruppo PPR pubblicati venerdì, hanno dimostrato che l'utile operativo corrente di Bottega Veneta è aumentato 47%, e del 30,4% a prezzi comparabili, a 945 milioni di euro, dando al marchio un margine del 31,8%.

Quando PPR acquisì Bottega Veneta nel 2001, il brand era sull'orlo del fallimento, con circa 35 milioni di euro di fatturato. Poi il designer Thomas Maier modernizzò il marchio, modificò il logo e riuscì ad attirare clienti più ricchi con una politica di investimenti in termini di qualità e di prezzi.

Il marchio ha aperto la sua più grande boutique a Milano quest'anno. Con i suoi 1.000 metri quadrati, lo store è destinato ad eclissare la maggior parte delle altre vetrine di Bottega Veneta, che hanno una media di 140 metri quadrati.

La società prevede di aprire tre o quattro flagship in più con lo stesso stile e concept nelle capitali della moda nel mondo, ma gli altri negozi resteranno di più piccole dimensioni per garantire la privacy per i clienti, ha detto l'amministratore delegato.

Alla fine dell'anno scorso, il produttore di pelletteria contava 76 punti vendita in mercati emergenti, molti dei quali nella regione Asia-Pacifico, 39 in Europa Occidentale e 26 in Nord America.

Gli analisti finanziari approvano il senso della strategia di Bottega Veneta. "I consumatori cinesi si sentono più tranquilli se i marchi che più amano realizzano prestazioni importanti in Europa", valuta l'analista di Exane BNP Paribas, Luca Solca.

Il mese scorso, il magnate Bernard Arnault ha dichiarato, nel presentare i risultati del suo gruppo LVMH (Louis Vuitton Moët Hennessy), di credere fermamente che la vetrina di un negozio di Louis Vuitton abbia un impatto pubblicitario e di immagine maggiore per il brand che tanti spot televisivi o sul Web in più.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: Reuters

© Thomson Reuters 2022 All rights reserved.