×
1 600
Fashion Jobs
RANDSTAD ITALIA
Sales Export Manager Usa
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
PAUL&SHARK
Area Manager Outlet - Centro Sud
Tempo Indeterminato · VARESE
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
Di
Ansa
Pubblicato il
5 mar 2018
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Borsalino: braccio di ferro tra Camperio e curatori, a rischio la produzione

Di
Ansa
Pubblicato il
5 mar 2018

Borsalino non trova pace. Continua il braccio di ferro tra Haeres Equita, la società dell'imprenditore svizzero Philippe Camperio che ha in affitto l'azienda, e i curatori fallimentari. Secondo fonti vicine a Haeres Equita non si potranno più produrre nello stabilimento alessandrino i cappelli Borsalino o altri prodotti con lo storico marchio. 

Borsalino


Haeres stessa ha spiegato che "a fronte dell'ingiusta iniziativa assunta dal Fallimento Borsalino, valuterà ogni opportuna azione a tutela della propria immagine, dei propri diritti e della continuità aziendale". 

​L'ultimo colpo di scena riguarda il contratto di affitto che Haeres, nonostante la diffida dei curatori, non avrebbe provveduto a pagare nei tempi utili. Contratto che si è risolto intorno al 20 febbraio scorso per inadempimento. Entro 90 giorni, quindi, dovrà restituire l'azienda ai curatori. Non è vero, replicano fonti vicine a Haeres: la lettera di risoluzione del contratto di affitto è stata inviata a Haeres Equita dopo il pagamento.

Le speranze di trovare un accordo fra Camperio e i curatori, che consenta la vendita dell'intero complesso aziendale, comprensivo del marchio, non sono molte: Haeres ha pagato 18 milioni il brand Borsalino e non vuole perdere nulla. I curatori fallimentari, Stefano Ambrosini e Paola Barisone hanno incontrato i sindacati presso lo storico stabilimento di Spinetta Marengo (Alessandria).

"La priorità rimane sempre salvaguardare i lavoratori, che passano dalla Haeres alla Borsalino SpA. Abbiamo chiesto ai curatori di valutare l'inserimento di una clausola sociale che mantenga l'occupazione, sul territorio", hanno commentato Claudio Cavallaretto (CISL) ed Elio Bricola (UIL).

"I lavoratori della Borsalino sono arrabbiati e delusi, con mille dubbi. Oltre a essere preoccupati per una vicenda di cui si scopre ogni giorno un pezzo nuovo. Sembra quasi una lenta agonia", ha affermato Maria Iennaco della CGIL di Alessandria. I lavoratori della Borsalino sono circa 130.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.