×
1 242
Fashion Jobs
INTICOM
Digital Media Manager
Tempo Indeterminato · GALLARATE
FOURCORNERS
Visual & Sales Account Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
FOURCORNERS
Product Marketing Coordinator - Skincare
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Area Manager Wholesale Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Product Manager Accessori
Tempo Indeterminato · TREVISO
DELL'OGLIO
Sales Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
CLARKS - ASAK & CO. S.P.A.
Addetta/o Ufficio Commerciale
Tempo Indeterminato · BUSSOLENGO
RANDSTAD ITALIA
Coordinator Ufficio Commerciale & Marketing
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Autista di Direzione (Driver)
Tempo Indeterminato · MILANO
MASSIMO BONINI SHOWROOM
Impiegato/a Back Office Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
IRIDE GROUP SRL
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
FOURCORNERS
Brand Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
CAPRI SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
OTTICA GIULIANELLI
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · FERRARA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
22 giu 2016
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Balmain conferma di essere stato acquistato dal fondo del Qatar Mayhoola

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
22 giu 2016

Dopo l'italiana Valentino, tocca alla griffe francese Balmain diventare qatariota. Mayhoola, la società d'investimenti appartenente alla famiglia regnante del Qatar, “ha accettato di acquisire Balmain International SA (la società madre del gruppo Balmain) dai suoi attuali proprietari. La transazione sarà finalizzata nel corso dell'estate 2016”, annuncia la firma parigina in un comunicato.

Balmain, autunno-inverno 2016/17 - © PixelFormula


Nessun dettaglio della transazione è stato reso noto. Secondo le stime effettuate nei giorni scorsi dalla stampa economica, la somma sborsata dalla società del Qatar si collocherebbe fra i 450 e i 480 milioni di euro.

“Siamo estremamente soddisfatti di questo sviluppo”, commenta il patron di Balmain, Emmanuel Diemoz, ricordando che il brand ha visto crescere il proprio fatturato del 50% fra il 2013 e il 2015, per raggiungere i 130 milioni di euro.

"Mentre entriamo in questa nuova fase entusiasmante per l'azienda, siamo sicuri che Mayhoola, con la sua competenza e le sue risorse, giocherà un ruolo importante per far crescere ulteriormente il nostro marchio sulla scena mondiale”, prosegue.

Nonostante fossero parecchi gli investitori in lizza (tra essi figuravano il fondo francese L Capital e gli altri fondi Permira e Li ka-Shing di Hong Kong), gli attuali azionisti di Balmain, tra i quali gli eredi dell'ex titolare, Alain Hivelin, deceduto nel 2014, che possiedono la maggioranza delle azioni del marchio, si sono lasciati convincere da Mayhoola e dagli eccellenti risultati che ha ottenuto con Valentino in pochissimi anni.

Nel 2015, la griffe romana ha registrato un incremento di fatturato del 48%, arrivato a 987 milioni di euro, contro i 370 milioni che realizzava nel 2012 al momento del suo acquisto da parte della società qatariota. Mayhoola ha anche investito nel marchio vicentino di abbigliamento maschile Pal Zileri e nell'etichetta britannica di borse Anya Hindmarch.

Il marchio fondato nel 1945 da Pierre Balmain è stato acquistato nel 1982, a seguito della morte del suo fondatore, da un industriale canadese, Erich Fayer, poi venduto ad Alain Chevalier, un ex dirigente di LVMH.

In difficoltà finanziarie, il brand francese viene riacquistato da Erich Fayer, che lo dirige fino alla sua morte, avvenuta nel 1995, momento in cui l'industriale Alain Hivelin ne acquisisce la direzione. Quest'ultimo riesce a rilanciare il marchio, soprattutto a partire dal 2006 sotto l'egida del direttore artistico Pierre Decarnin. Con l'arrivo alla guida dello stile nel 2011 di Olivier Rousteing, Balmain acquisisce una spinta nuova e continua a crescere.

Ma per svilupparsi ulteriormente, la firma transalpina aveva bisogno di effettuare investimenti importanti. Ecco perché da circa un anno si era messa a cercare un investitore.

Dominique Muret (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Tags :
Altro
Nomine