×
1 395
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
YVES ROCHER
Digital Performance Marketing Specialist (Origgio-va)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
ULTIMA ITALIA S.R.L
Production And Sourcing CO-Ordinator (Production Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Estero
Tempo Indeterminato · PECCIOLI
CONFIDENZIALE
Europe Buying Manager Woman Ready to Wear
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Reuters API
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
24 mag 2018
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Balenciaga: gli uomini e i Millennials spingono le vendite

Di
Reuters API
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
24 mag 2018

Gli uomini e i Millennials sono i principali motori dell’esplosione delle vendite di Balenciaga, la storica casa di moda che sta vivendo la crescita più rapida del gruppo Kering da quando si è trasformata in marchio alla moda, secondo le dichiarazioni del suo CEO.

La campagna pubblicitaria di Balenciaga per l'autunno 2018 - Instagram: @balenciaga


I Millennials (o Generazione Y, i ragazzi nati negli anni ‘80 e ‘90) alimentano la crescita di tutti i settori dei prodotti di lusso, rappresentando circa un terzo delle vendite totali (ecco perché i marchi s’impegnano così tanto per attirare la loro attenzione).
 
La moda maschile, invece, non è mai stata redditizia come il prêt-à-porter e gli accessori femminili, ma l'accento posto da qualche tempo da numerosi marchi su un'offerta più casual unito allo sviluppo delle vendite online cominciano a stimolare la crescita di questa categoria storicamente in contrazione.

“I Millennials rappresentano il 60% delle nostre vendite. Insieme alla moda maschile, è la fascia di clientela che mostra la crescita più rapida”, ha affermato Cédric Charbit, CEO di Balenciaga, nel corso di una conferenza stampa a Venezia.
 
Il marchio con più di 100 anni di storia, un tempo noto per gli abiti scultorei d’Alta Moda creati dal suo fondatore, Cristóbal Balenciaga, non comunica i suoi dati di utile, ma Francois-Henri Pinault, patron del gruppo Kering, sostiene che le sue vendite annuali raggiungeranno nel medio termine 1 miliardo di euro, considerando tutte le categorie di prodotti (abbigliamento, scarpe e borse) combinate.
 
Sempre all'ombra del fratello maggiore Gucci, che ha generato ricavi per 6,2 miliardi di euro nel 2017, Balenciaga sta però sperimentando la crescita più intensa del gruppo francese da due anni a questa parte, sorpassando la progressione del 49% delle vendite comparabili registrata dal marchio italiano nel primo trimestre.
 
Sotto la direzione del designer georgiano Demna Gvasalia, assunto nel 2015, Balenciaga si è portato verso uno stile streetwear molto particolare, sovraccaricato di loghi, pur continuando a sperimentare sul terreno delle consistenze delle trame e dei volumi per creare una silhouette futurista e d’avanguardia.
 
Secondo Cédric Charbit, Balenciaga sta crescendo molto velocemente, con percentuali talvolta superiori al 100% in alcuni settori – e in tutte le categorie, dalle borse al prêt-à-porter, passando per il suo celebre modello di sneaker “Triple S”, venduto a più di 700 euro.
 
“Non c'è una cena dove sono invitato nella quale un padre di famiglia non mi dica "smettete di vendere quelle scarpe, è diventato incontrollabile, stiamo spendendo troppi soldi da Balenciaga", il che mi rende molto allegro”, confessa Cédric Charbit.
 
Il marchio attira in modo particolare i clienti uomini, tanto più che la spesa in beni di lusso, soprattutto da parte dei consumatori cinesi, registra una notevole ripresa. Alcuni rivali, come Louis Vuitton (del gruppo LVMH), hanno recentemente cambiato i propri direttori artistici del ready-to-wear maschile.
 
Il direttore finanziario di Kering, Jean-Marc Duplaix, ha annunciato in aprile che Balenciaga andrà ad espandere le sue attività nel menswear, senza fornire ulteriori precisazioni.

© Thomson Reuters 2023 All rights reserved.