×
1 784
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Head of Production
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Site Management Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ELENA MIRO'
Head of Merchandising & Buying
Tempo Indeterminato · ALBA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
PATRIZIA PEPE
Digital Adversiting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Business Controller
Tempo Indeterminato · FIRENZE
CONFIDENZIALE
IT Help-Desk
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
International Key Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
CRM Manager, Fashion Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
NALI ACCESSORI
Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · NAPOLI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Business Developer- Interior Design Lusso
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Rtw ww
Tempo Indeterminato · VICENZA
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Denim
Tempo Indeterminato · VICENZA
CONFIDENZIALE
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · TORINO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Buyer Accessori di Produzione e Lavorazioni
Tempo Indeterminato · PADOVA
CMP CONSULTING
E-Commerce Specialist - Korean Speaking
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
24 giu 2014
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Armani: 'un silos contenitore di idee e progetti per Milano'

Di
Ansa
Pubblicato il
24 giu 2014

Un silos, un contenitore di idee e di progetti che partendo dalle collezioni di Giorgio Armani si propone di offrire un percorso attraverso la storia della sua moda, del costume e del suo modo di vedere il mestiere di creativo, aprendo alle nuove generazioni un mondo di esperienze e di competenze uniche, incoraggiando la ricerca e alimentando la creatività. E' questa la novità annunciata il 23 giugno dallo stilista.

Giorgio Armani - Foto: Ansa - Foto: Ansa


"L'incontro delle molte espressioni, dei linguaggi, in particolare con il suo design, animeranno - spiega la società in una nota - lo spazio immaginato da Giorgio Armani all'interno dell'area di via Bergognone e aperto alla città.

L'obiettivo è che il progetto, al quale lo stilista sta lavorando in stretta collaborazione con il Comune di Milano, sia completato e che lo spazio possa aprire in corrispondenza con Expo 2015".

"I primi sei mesi dell'anno sono andati discretamente bene per la Giorgio Armani, che ha segnato un +6%": ha detto lo stilista al termine della sfilata della linea Emporio. Per quanto riguarda i singoli mercati, lo stilista ha notato che le performance meno brillanti si sono fatte registrare in Italia e in Europa in generale. Buoni, invece, i risultati ottenuti in Asia e soddisfazione per il mercato americano "in ripresa".

Giorgio Armani, tra una sfilata e l'altra alla Settimana della moda maschile, ha esternato ai cronisti la sua preoccupazione che con l'Esposizione mondiale l'Italia possa fare una ''figura del cavolo''. Un allarme che ha avuto anche la parvenza dell'autopromozione, in quanto lo stesso Armani ha poi annunciato il suo impegno per ''dare lustro a Milano'' con l'apertura appunto entro il maggio del 2015 - in concomitanza con Expo - del proprio archivio nel Silos in allestimento nell'ex fabbrica Nestlé.

Allo stilista ha fatto eco il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, che, dall'assemblea di Federchimica in Assolombarda, ha gridato al ''decreto fantasma''. ''Il governo - ha detto - ha emanato un decreto che assegna i poteri a Cantone'' ma ''non è stato pubblicato in Gazzetta e non è entrato in vigore''. Poi il 'guvernatur' ha chiesto all'esecutivo di ''darsi una mossa''. A buttare acqua sul fuoco ci hanno pensato i ministri Maurizio Lupi (Trasporti) e Maurizio Martina (Agricoltura), che ha anche la delega all'Expo. Il primo ha puntualizzato - sempre in Assolombarda - che non è ''il momento di fare polemiche'', mentre il secondo ha cercato di tranquillizzare tutti spiegando che i soggetti coinvolti stanno ''lavorando intensamente per completare il progetto e per farlo emergere in tutta la sua grandissima potenzialità''.

Le acque in città però restano piuttosto agitate. Il presidente del consiglio, Matteo Renzi, si era presentato a Milano con Raffaele Cantone come asso nella manica lo scorso 13 maggio, 5 giorni dopo la valanga degli arresti per tangenti, con l'obiettivo di far ripartire una macchina in panne. Il decreto che conferisce i poteri a Cantone è stato annunciato più volte dalla fine di maggio ad oggi, ma finora non si è visto.

Proprio il 23 giugno, poi, lo stesso Cantone era atteso nel Capoluogo Lombardo per la presentazione di un libro allo Iulm, ma all'ultimo momento ha dato forfait. Il Commissario anticorruzione dovrebbe incontrare il commissario unico di Expo Giuseppe Sala, ma, nonostante gli annunci dei giorni passati, finora i due non si sono ancora visti. Dove l'attività ferve invece è a Palazzo di Giustizia. Il gip di Milano Andrea Ghinetti ha disposto il giudizio immediato per l'ex dg di Ilspa Antonio Giulio Rognoni e per altre sette persone indagate in uno dei tre filoni d'indagine legati a Expo. Il processo si aprirà il prossimo 18 settembre davanti alla decima sezione del Tribunale.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.