×
1 418
Fashion Jobs
MICHAEL PAGE ITALIA
Senior Buyer Settore Moda
Tempo Indeterminato · PRATO
MICHAEL PAGE ITALIA
Regional Account Manager Nord Italia Per Realtà di Bigiotteria
Tempo Indeterminato · MILANO
MARTINO MIDALI
Junior Product Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
MARTINO MIDALI
E-Commerce e Retail Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Loss Prevention Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PHILIPP PLEIN
Global CRM Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
BENEPIU' SRL
Produzione -Qualita'
Tempo Indeterminato · CARPI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Agile Delivery Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Italia e Svizzera - Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
BURBERRY
IT Project Manager
Tempo Indeterminato ·
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Adnkronos
Pubblicato il
13 mag 2015
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Apple, Facebook e Google spingono sul web alimentato al 100% da rinnovabili

Di
Adnkronos
Pubblicato il
13 mag 2015

I colossi di Internet Apple, Facebook e Google si stanno attivando per una rete alimentata al 100% da fonte rinnovabile. L'analisi arriva dal report "Clicking Clean: A Guide to Building the Green Internet", pubblicato in queste ore da Greenpeace.


"La strada verso una Rete 100% rinnovabile è però ostacolata dall’opposizione di alcune importanti aziende elettriche e dalla crescente domanda di energia del settore" osserva però il report dell'associazione ecologista che sottolinea come, a differenza degli giganti della rete, "Amazon difetta in trasparenza e chiarezza". "Per alimentare Internet, le compagnie hi-tech si stanno orientando verso la scelta più intelligente: le fonti rinnovabili", afferma Luca Iacoboni, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia. "Ma -spiega- si scontrano con la resistenza di alcune compagnie che operano in regime di monopolio in luoghi chiave per questo settore - come Taiwan, o la Virginia e la North Carolina negli Stati Uniti - e che si rifiutano di passare a fonti energetiche come il solare e l’eolico". "Affinché Internet diventi meno inquinante, le grandi compagnie devono coalizzarsi per spingere le utilities e le istituzioni a fornire loro energia 100% rinnovabile" aggiunge l'ecologista. Secondo dati del 2011, se le infrastrutture digitali fossero uno Stato sarebbero il sesto più grande consumatore di energia al mondo.

Il consumo energetico di Internet è però in continuo aumento, trascinato dall’incredibile crescita di servizi di video streaming come Youtube o Netflix. Oggi oltre il 60% del traffico Internet è usato per la visione di video in streaming, una percentuale che si stima possa arrivare al 76% entro il 2018.

Il report di Greenpeace denuncia inoltre la scarsa trasparenza di Amazon Web Services (AWS). L’anno scorso il gigante del cloud aveva fatto qualche passo avanti, impegnandosi ad alimentare le sue operazioni con energia 100% rinnovabile, ma manca assolutamente di chiarezza per ciò che riguarda i suoi consumi energetici, evidenziano gli ecologisti. Amazon aveva annunciato piani di acquisto di energia eolica per oltre 100 MW, ma Greenpeace ha scoperto che continua a espandersi rapidamente in Virginia, dove la rete elettrica è alimentata solo per il 2% con fonti rinnovabili. Secondo quanto trovato da Greenpeace, l’attuale mix energetico di Amazon è composto solo per il 23% da fonti rinnovabili.

Copyright © 2023 AdnKronos. All rights reserved.