×
1 330
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Customer Service Estero- Settore Design
Tempo Indeterminato · MONZA
Pubblicato il
18 ago 2010
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

American Apparel vicina al fallimento?

Pubblicato il
18 ago 2010

American Apparel
16 ago 2010 – L’autorità di controllo per i mercati finanziari americani ha intimato ad American Apparel di rivelare i suoi risultati del primo semestre. Dopo aver accumulato 91,4 milioni di dollari di debiti e realizzato un -6% nelle vendite nel 2009, il marchio ha iniziato il 2010 con un nuovo calo del 10%.

Già il primo trimestre era stato caratterizzato da un crollo delle vendite a 17,6 milioni di dollari su base comparabile. Dal momento poi che il brand sta tardando a pubblicare le sue cifre relative al secondo trimestre, il prezzo delle azioni è conseguentemente sprofondato.

In un anno il titolo ha perduto più del 67% del suo valore e se le inaugurazioni di nuove boutique hanno mantenuto le cifre di vendita su buoni livelli nelle ultime stagioni, le aperture effettuate in piena crisi economica hanno minato definitivamente l'equilibrio finanziario dell'azienda.

Condannato a versare 5 milioni di dollari a Woody Allen per aver utilizzato la sua immagine senza autorizzazione, costretto a licenziare 1.500 lavoratori illegali, o accusato di discriminazione nelle assunzioni, il marchio ha accumulato una serie di clamorosi autogol nell'ultimo periodo. Dotato di una rete di 280 negozi, American Apparel sta cercando da diversi mesi di ottenere il sostegno del fondo d'investimento Lion Capital per spalmare il suo debito.

Bisognerà attendere i prossimi giorni per sapere qual è realmente ad oggi lo stato dei conti finanziari del marchio “Made in downtown LA”. La stampa statunitense rincara la dose e prevede senza mezzi termini che il gruppo fallirà entro poco tempo.

Di Matthieu Guinebault (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.