×
1 557
Fashion Jobs
FOURCORNERS
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Compliance And Testing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
ww Distribution Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Project Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
EDAS
Responsabile Amministrativo/a
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Digital Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
MANPOWER PROFESSIONAL
Expansion Manager Franchising
Tempo Indeterminato · CESENA
VIVIENNE WESTWOOD SRL
Purchasing And Procurement Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
JIL SANDER SPA
IT Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Product Manager Maglieria
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Milano
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
ANONIMA
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
Pubblicità
Di
Ansa
Pubblicato il
27 gen 2014
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

AltaRoma: viaggio in Asia per lady Curiel

Di
Ansa
Pubblicato il
27 gen 2014

Viaggio in Asia per la lady di Raffaella Curiel, che nella sua nuova collezione di alta moda siè ispirata alla bellezza, alla femminilità espressa, nel muoversi e nell'incedere, dalle donne asiatiche. Dal Giappone al Vietnam, la nuova bellezza ha occhi a mandorla.

AltaRoma, Raffaella Curiel, collezione P/E 2014 - Foto: Ansa


"Ho pensato - spiega la couturier milanese nell'anteprima della sfilata che si è svolta in serata a S.Spirito in Sassia, dove erano presenti oltre a Clio Napolitano, tantissime feluche dai paesi orientali citati - che in un momento di disinteresse e di crisi come quello che viviamo in Italia, la bellezza fosse al di sopra di tutto. Oscar Wild scriveva: 'La bellezza è l'unica cosa contro cui la forza del tempo sia vana, ciò che è bello è una gioia per tutte le stagioni ed è un possesso per tutta l'eternità', ed è proprio la bellezza che non possiede aggettivi, che riesce a darmi linfa vitale, incanto, stupore".

Una bellezza che si traduce in 52 abiti di alta moda, piccoli capolavori di sartoria, di pazienza certosina nel comporre manualmente plissettature e intarsi di tessuti dai confini perfetti, ricami di fiori su seta che sembrano stampati, sottovesti bordate di raffinati pizzi che spuntano incantando lo sguardo dagli orli delle gonne svolazzanti, bustini in sete antiche ricamate con disegni Fortuny, fiori di prati primaverili ricreati sugli abiti da sera con minuziosi lavori di ricamo, rami di pesco di Kyoto, aiuole di Kensington Park a New York, giardini sui terrazzi arrampicanti di Venezia, romantiche balconate di Roma.

Curiel racconta di aver pensato ai sorrisi felici sui visi incorniciati da corolle delle fanciulle dall'antico Siam, ai costumi etnici della Malesia e della Cambogia, che le hanno suggerito l'assemblaggio di colori (dall'arancio e oro, al rosa carico, dal blu al turchese, dal glicine al rosso), dei disegni miscelati fra loro con irripetibili patchworks di tessuti antichi e moderni. La prima uscita di cinque completi è stata composta dopo una ricerca sui costumi orientali di varie etnie: dalle estremi pendici dell'Himalaya alla Malesia, dalla Cambogia alla Thailandia fino alla Cina. Alcune giacche lunghe su pantaloni morbidi, sono in tessuti provenienti da Thimphu (Bhutan): sete tessute a mano, a righe, in crepe de chine stampate come antichi ricami, insomma un caleidoscopio armonico di culture, di tessuti antichi e moderni. Le giacche dei tailleur hanno talvolta spalle pronunciate all'esterno, "come i costumi dei guerrieri del generale cinese Ban Chao", spiega Curiel. Altre sono dritte, i punti di vita sempre segnati, con baschine evidenziate per rendere la silhouette più sottile. Le giacche hanno giochi di nervature, di tagli sbieco. Le gonne seguono il corpo affusolate oppure si aprono a corolla. Gli abiti sotto ai tailleur per il giorno, i tipici "Curiellini", eleganti, sottili, comodi, oppure per il cocktail diventano nuvole di chiffon con volute sbieche, nervature, piccoli volant, ricami impalpabili e fiori. La sera viaggia sulla "Via della seta" con virtuosa miscellanea di tessuti, colori e raffinati ricami. Il maestro orafo Gerardo Sacco ha creato gioielli dal sapore orientale: collane-cintura con medaglioni in giada e oro, bracciali in oro a manetta con cammei di pasta vitrea, orecchini a lanterna con smalti iridescenti. Gigliola Curiel, figlia della stilista firma le calzature (originali i sandali effetto nudo con lacci di tessuto colorati da cambiare con la tinta dell'abito) e i deliziosi cappelli a turbante.

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.