×
625
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Product Marketing Manager - Fragranze
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
NEIL BARRETT
Logistic And Customer Service Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Developer
Tempo Indeterminato · COMO
ANONIMA
Commerciale Senior
Tempo Indeterminato · CREMONA
MIROGLIO FASHION S.R.L.
Digital Marketplace Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
SLOWEAR SPA
Retention Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
SLOWEAR SPA
Omnichannel Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CWF - CHILDREN WORLDWIDE FASHION
Wholesale Coordinator H/F
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Creative & Product Director
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Buyer Rtw Woman
Tempo Indeterminato · MILANO
METARISORSEUMANE
Junior Sales Manager B2B – Contract
Tempo Indeterminato · LIONE
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Business Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Emea Marketing Manager / Luxury Field / Milan
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Experience Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Analista Funzionale - Omnichannel IT Solution Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Qualitative & Quantitative Research Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager
Tempo Indeterminato · PARIGI
Pubblicato il
28 ott 2013
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Altagamma: +13% il tax free shopping europeo

Pubblicato il
28 ott 2013

Per l’Unione Europea il Tax Free Shopping vale 39 miliardi di euro e continua a crescere: +13% nei primi nove mesi del 2013, con una previsione di ulteriore crescita del 10% nel 2014, trainata soprattutto da cinesi e cussi, i cui acquisti dovrebbero aumentare rispettivamente del 16% e 14%. L’81% di questo mercato è concentrato in 5 Paesi (Italia, Francia, Spagna, UK e Germania), con la Francia in testa con il 23% delle vendite, seguita dal Regno Unito che ha scavalcato l’Italia nella classifica delle principali destinazioni per lo shopping dei turisti extra UE. Sono queste le principali evidenze emerse il 28 ottobre dalla presentazione di Global Blue, società leader mondiale nella fornitura di servizi e prodotti a viaggiatori, esercenti e società finanziarie, all’annuale appuntamento con l’Osservatorio Altagamma.

Prada, A/I 2013/2014


A trainare il mercato sono i turisti cinesi, mentre si registra una forte diminuzione degli acquisti da parte dei giapponesi (-28%, dopo i dati positivi registrati nel 2012), dovuta principalmente agli effetti negativi sul cambio. Anche i brasiliani sono stati penalizzati dagli stessi effetti negativi, mentre a sorpresa i thailandesi, pur rappresentando solo il 3% del totale, sono cresciuti oltre le aspettative (+29%). I turisti provenienti dai Paesi extraeuropei, e in particolare i cinesi, continuano a rappresentare un’opportunità significativa per lo sviluppo del commercio e dei servizi nel Vecchio Continente. Opportunità che non dovrebbe essere incrinata neppure da un nuovo provvedimento, promulgato dal Governo di Pechino il 1 ottobre 2013, che vieta i cosiddetti tour dello shopping “forzato”, ossia organizzati con il preciso scopo di guidare i turisti ad acquistare in particolari luoghi e negozi.

“Riteniamo che questo provvedimento non avrà in generale un impatto negativo, fatta eccezione per quelle destinazioni, specialmente asiatiche, in cui erano previste queste formule. Allo stesso tempo, ha concluso Nervini, “il provvedimento potrà portare all’evoluzione delle aspettative dei cinesi verso un’esperienza turistica più ricca, coinvolgente e autonoma generando un circolo virtuoso tra flussi turistici, spesa e ricerca delle eccellenze europee”.

In Italia, che vale il 16% del Tax Free Shopping europeo, i primi nove mesi del 2013 hanno fatto registrare una crescita a doppia cifra (+16% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente). Gli acquisti Tax Free continuano a essere dominati dai russi, che valgono il 29% del totale con un tasso di crescita del 24%. Seguono i cinesi (19%) e, con notevole distacco, gli Americani (6%). Infine, i giapponesi (5%) che confermano anche in Italia il trend negativo degli acquisti (-23%) che hanno fatto registrare in tutta Europa. L’Italia si caratterizza per il continuo sviluppo degli outlet, il cui mercato tra gennaio e settembre di quest’anno è in crescita del 36%, un valore importante anche se inferiore a quello degli ultimi tre anni (+81% nel 2010, +66% nel 2011 e +47% nel 2012).

Nei primi 9 mesi del 2013, la Francia si conferma la destinazione preferita per i globe shopper, con una quota pari al 23% del mercato (+12% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente). La Gran Bretagna, con il 18% delle vendite e una crescita del 24%, si colloca al secondo posto in Europa, prendendo il posto che, nel 2012, era ricoperto dall’Italia. La Germania mantiene il quarto posto nella classifica del Tax Free Shopping europeo, con un peso pari al 16%, ma con una crescita molto modesta (+4%).

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.