×
1 601
Fashion Jobs
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Milano
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
ANONIMA
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
District Manager
Tempo Indeterminato · VERONA
LOGO FIRENZE SRL
Product Manager Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
NARA CAMICIE
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Account Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Retail Area Manager Piemonte/Liguria/Lombardia
Tempo Indeterminato · TORINO
ANONIMA
ww Wholesale Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Digital Client Development Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
ORIENTA SPA
General Manager - Bolzano
Tempo Indeterminato · BOLZANO
ANTONIOLI S.R.L.
SEO & SEM Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Sustainability Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Di
AFP
Pubblicato il
19 mag 2015
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Alibaba giudica infondata la denuncia di Kering che l'accusa d'incoraggiare la contraffazione

Di
AFP
Pubblicato il
19 mag 2015

Alibaba, colosso cinese del commercio elettronico, ha definito "senza fondamento" la denuncia del gruppo del lusso e di abbigliamento Kering, proprietario, fra gli altri, dei marchi Gucci e Puma, che l'accusa di promuovere attivamente sulle sue piattaforme la vendita di prodotti falsi.

Kering ha depositato alla fine della settimana scorsa a New York (dove è quotato Alibaba) una denuncia in cui accusa il gruppo cinese di lasciar proliferare intenzionalmente la commercializzazione di prodotti falsi, di incoraggiarla e di trarne vantaggio, non solamente in Cina, ma anche all'estero, secondo i media ufficiali cinesi.

Alibaba, dal canto suo, ha respinto con veemenza queste accuse, mettendo in evidenza i suoi sforzi per ridurre la distribuzione di prodotti contraffatti sui suoi siti.

"Sfortunatamente, Kering ha scelto di impegnarsi in una procedura giudiziaria che costa molte energie, invece di puntare a una collaborazione proficua tra noi" sull'argomento, ha reagito un portavoce di Alibaba in una dichiarazione inviata all'agenzia di stampa francese AFP. "Crediamo che questa denuncia non abbia alcun fondamento e la combatteremo con forza", ha aggiunto.

Alibaba, con la sua piattaforma Taobao, domina circa il 90% del mercato degli scambi individuali di beni da privato a privato sull'Internet cinese, mentre la sua piattaforma Tmall controlla da sola la metà delle transazioni on line tra professionisti e privati.

Kering nel luglio del 2014 aveva già presentato una denuncia contro Alibaba, ma aveva abbandonato la procedura dopo che è stato trovato un accordo fra le parti per lavorare di concerto nella lotta alla contraffazione.

"Continuiamo a lavorare in collaborazione con molti brand per aiutarli a proteggere la loro proprietà intellettuale, e abbiamo ottimi risultati che testimoniano questo impegno", s'indignava lunedì scorso Alibaba.

Per questo, la SAIC, l'Amministrazione Statale Cinese per l'Industria e Commercio, aveva pubblicato nello scorso gennaio un rapporto al vetriolo su Alibaba.

La SAIC accusava il gruppo di agire in modo molto insufficiente per impedire alle "operazioni illegali" di prosperare sulle sue piattaforme, e stimava che solo circa un terzo dei prodotti venduti su Taobao fosse autentico.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: AFP

Copyright © 2021 AFP. Tutti i diritti riservati.