×
1 615
Fashion Jobs
AMINA MUADDI
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Responsabile Avanzamento Campionario
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Leather Goods Merchandising Senior Manager
Tempo Indeterminato ·
DELL'OGLIO
HR Generalist
Tempo Indeterminato · PALERMO
DELL'OGLIO
Senior Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
C.P. COMPANY
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
Area Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Specialista Amministrazione Del Personale
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Allestimenti Visual - Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
247 SHOWROOM
Regional Account Manager DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Learning And Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta People Engagement And Employer Branding Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Allocatore
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Retail Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ANONIMO
Responsabile di Magazzino
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Communication Per Noto Brand Del Lusso
Tempo Indeterminato ·
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga IT Project Leader
Tempo Indeterminato ·
SELTIS HUB SRL
Autista Personale di Presidenza
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Media Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
11 lug 2017
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Abercrombie & Fitch non sarà comprato

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
11 lug 2017

Messo in vendita dal suo proprietario in maggio, il gruppo Abercrombie & Fitch non passerà di mano. La firma statunitense l’ha annunciato il 10 luglio in un comunicato.

La campagna pubblicitaria della collezione per l'estate 2017 - Abercrombie & Fitch


Il Wall Street Journal aveva rivelato che American Eagle Outfitters, in tandem con il fondo Cerberus Capital Management, era stato tentato di depositare un’offerta, ma la cosa non si è concretizzata, anche se la banca d’investimenti Perella Weinberg Partners aveva ricevuto un mandato per sondare il terreno a questo scopo.
 
Il presidente del gruppo, Arthur Martinez, ha giustificato così questa inversione di tendenza: “Dopo aver fatto un esame completo di tutti i fattori, e con l’aiuto del nostro consulente finanziario, il consiglio d’amministrazione di A&F ha deciso che il modo migliore per aumentare il valore dell’azienda per gli azionisti è di mettere in pratica in modo rigoroso il nostro business plan. (...) Ci siamo impegnati ad adottare misure forti e aggressive”. Alla Borsa di New York, il titolo della società perdeva oltre il 18% la mattina del 10 luglio a seguito di questo annuncio.

Il gruppo che gestisce 900 negozi stenta da anni a riprendersi: da 17 trimestri consecutivi mostra vendite in calo. Nell’annata 2016-17, esse sono diminuite del 5%, risultando essere di 3,327 miliardi di dollari (3,166 miliardi di euro). L’insegna Abercrombie è quella in maggiore difficoltà, visto che accusa un calo delle vendite dell’11%, mentre Hollister, il cui concept è stato riprogettato, è riuscito a rimanere stabile.
 
L’azienda che le fonti giornalistiche americane davano come favorita per l’acquisto di Abercrombie & Fitch, il fondo di private equity Sycamore Partners, si sarebbe nel frattempo ritirata perché circa due settimane fa ha comprato la catena di forniture di prodotti per l’ufficio Staples Inc. per ben 6,9 miliardi di dollari. Si è trattato dell’impegno finanziario più grande nella sua storia, che le ha fatto spostare l’attenzione da Abercrombie. Per di più le fonti, che hanno voluto rimanere anonime, citate dall’agenzia Reuters hanno riferito di una discrepanza tra l’offerta di Sycamore e la richiesta di A&F.
 
Da varie stagioni, Abercrombie & Fitch soffre di un’accresciuta concorrenza per i suoi prodotti, che proviene da una parte dai giganti della fast fashion come H&M e Zara, e dall’altra parte dalla posizione preponderante conquistata sul mercato da parte degli attori dell’e-commerce. Nel 2016, il marchio ha chiuso 54 negozi, soprattutto negli Stati Uniti, mentre sono stati inaugurati circa 20 nuovi indirizzi, tra i quali sei outlet.
 
Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.