×
1 445
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Agile Delivery Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Loss Prevention Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Italia e Svizzera - Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
BURBERRY
IT Project Manager
Tempo Indeterminato ·
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
3 giu 2014
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Abercrombie & Fitch: calo dell'11% delle vendite nei negozi in comparabile nel 1° trimestre

Pubblicato il
3 giu 2014

Sulla totalità dell'esercizio in corso, il gruppo Abercrombie & Fitch si aspetta una calo delle vendite compreso tra il 3% e il 4% rispetto all'anno precedente. Nel primo trimestre, chiuso il 3 maggio, il gruppo ha rilevato un calo del 2%, a 604 milioni di euro (822 milioni di dollari). Le sue vendite negli Stati Uniti si contraggono del 6%, a 370 milioni, mentre la sua attività all'estero cresce del 5%, a 234 milioni.

La direzione di A&F spiega che il lavoro fatto sulle collezioni femminili comincia a portare i suoi frutti. Foto: A&F.


Le vendite nei suoi negozi a perimetro comparabile sono calate dell'11%. Il gruppo è stato salvato soprattutto dall'attività in Rete, dove le vendite sono cresciute del 27%. Alla fine, le vendite in comparabile sono calate del 4%.

A perimetro comparabile, il marchio Abercrombie & Fitch accusa un calo dell'1%, a 234 milioni di euro, Abercrombie kids del 6%, a 50 milioni e Hollister del 7%, a 310 milioni.

Il gruppo ha annunciato di avere compiuto il primo passo dell'ingresso in Asos con Abercrombie & Fitch per il prossimo Natale, pur continuando comunque a puntare sul suo network di negozi in proprio. Ma nel frattempo, ha posto fine all'attività dell'insegna Gilly Hicks, chiudendo in maniera definitiva le sue 24 boutique.

Tuttavia, da qui alla fine dell'anno, Abercrombie & Fitch punta su altre 15 aperture a livello internazionale, con nel mirino in particolare l’Asia e il Medio Oriente. Dopo aver inaugurato un flagship A&F a Shanghai in aprile, il gruppo intende accelerare nell'Impero Celeste con un altro store già annunciato a Chengdu e il lancio in questo Paese del suo sito Internet in autunno. Lo sviluppo dei due brand dovrebbe accelerare nel corso del 2015. In Giappone, dove si trovano già due vetrine di Hollister, il gruppo sta predisponendo l'apertura di due negozi Hollister a Lalaport Tokyo Bay e a Kobe.

Nel Medio Oriente, il gruppo sta preparando l'apertura di un secondo indirizzo di Hollister a Dubai e del primo ad Abu Dhabi. In compenso, in Europa Abercrombie & Fitch non cresce più in comparabile e sembra accusare qualche difficoltà persino nel Regno Unito.

Negli USA, il gruppo continua la sua politica di chiusura degli store meno competitivi. Nel 2014, prevede dalle 60 alle 70 chiusure. Contemporaneamente, sta convertendo il suo network di negozi Hollister verso un modello presentato come più produttivo (vedi l'articolo).

Nel primo trimestre, il gruppo ha visto passare la sua perdita operativa da 10 milioni di euro l'anno scorso, a 23 milioni. La sua perdita netta si fissa invece a più di 17 milioni, contro i 5 milioni di un anno prima.

Olivier Guyot (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.