×
1 329
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Customer Service Estero- Settore Design
Tempo Indeterminato · MONZA
Di
Adnkronos
Pubblicato il
3 mag 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Zalando presenta i nuovi criteri green

Di
Adnkronos
Pubblicato il
3 mag 2022

Estendere la vita di 50 milioni di prodotti di moda entro il 2023. È questo l'obiettivo di Zalando, come riporta il Sustainability Progress Report del 2021. Per raggiungere il traguardo, l'azienda presenta i nuovi Criteri Progettuali di Circolarità di circular.fashion, che permetteranno la standardizzazione di prodotti ideati per la circolarità dai 5.800 brand partner presenti sulla piattaforma Zalando, consentendo in tal modo ai 48 milioni di clienti di scoprire prodotti più sicuri, duraturi e riciclabili.

Zalando


Il design circolare, spiega Laura Coppen, head of circularity a Zalando, "è necessario nel settore della moda perché la fase di progettazione e produzione del ciclo di vita di un prodotto ha un fortissimo impatto ambientale. Grazie all'applicazione dei Criteri Progettuali di Circolarità, tuttavia, si permette ai designer di cambiare il modo in cui danno vita ai prodotti e si definisce così un quadro chiaro per i brand intenzionati a vendere e promuovere questi prodotti sulla nostra piattaforma".

"Nuovi modelli di business si stanno diffondendo sempre più rapidamente, come il commercio online dell'usato, la moda a noleggio e le infrastrutture di riciclo. L'ultimo tassello mancante è proprio quello del design circolare. Quest'ultimo richiede una significativa riqualificazione non solo dei designer, ma anche di tutta la catena di produzione con lo scopo ultimo di rivoluzionare il processo di realizzazione dei prodotti".

Per esempio, spiega Coppen, "se i prodotti sono pensati per durare a lungo, sosterranno meglio modelli di business circolare, come la moda a noleggio e l'assortimento di prodotti di seconda mano, che funzionano bene con capi destinati ad avere più vite passando di proprietario in proprietario. Non si può dare vita alla circolarità con un unico modello di business: è necessario un approccio olistico ed è proprio questa la strategia di Zalando". Ma qual è la differenza tra un prodotto sostenibile e un prodotto circolare? "Un prodotto più sostenibile (e i nostri esistenti criteri di sostenibilità) si focalizza tendenzialmente sul primo tassello del puzzle, ovvero assicurarsi che i capi siano realizzati da materiali sicuri, riciclati e rinnovabili. Il design circolare offre, invece, uno sguardo globale sul ciclo di vita dei prodotti, direzione verso la quale l'industria della moda dovrebbe indirizzarsi" spiega Coppen.

Per questo "Zalando vuole presentare questi criteri ai brand partner nei prossimi mesi in modo tale che gli effetti positivi previsti possano raggiungere una maggiore portata. Per fare questo, Zalando ha sperimentato queste novità prima per le proprie etichette in modo da avere un feedback globale dai brand e dai riciclatori. Inoltre, è stato consultato anche il nostro team di relazioni pubbliche per allinearci con le imminenti regolamentazioni ed assicurarci che i criteri siano conformi ad esse".

"Queste conversazioni hanno permesso alla nostra azienda di ottimizzare certi elementi dei criteri, di adottare un approccio industriale collaborativo, rafforzato anche dal fatto che Zalando non si sta muovendo da solo. Così ha operato Zalando lo scorso anno: ora si è sul punto di presentare queste misure a tutti i brand presenti sulla piattaforma" conclude Coppen.

Copyright © 2022 AdnKronos. All rights reserved.