Yoox Net-A-Porter inaugura a Londra il suo hub tecnologico d’avanguardia

Il gruppo leader globale nell’e-commerce di moda e lusso, nato nell’ottobre 2015 dalla fusione fra l’italiana Yoox e la britannica Net-A-Porter, ha annunciato l’apertura del suo nuovo hub tecnologico presso White City, nella zona Ovest di Londra, confermando così il proprio impegno per realizzare investimenti nel Regno Unito. 

Il nuovo Tech Hub di YNAPGabriel De La Chapelle - Gabriel De La Chapelle

Il nuovo Tech Hub a West London rappresenta un elemento chiave nella strategia di crescita di YNAP e fa parte del piano di investimenti per oltre 500 milioni di euro che il gruppo effettuerà nei campi della tecnologia e della logistica per raddoppiare il proprio business entro il 2020.
 
Nel nuovo centro di White City Place, che si sviluppa su una superficie di oltre 6.500 mq., confluiranno tutti i team esperti di tecnologia del gruppo italo-inglese presenti nel Regno Unito. Curioso ricordare come White City Place fosse originariamente la sede dell’Esposizione Franco–Britannica del 1908, che ha creato un grande complesso di padiglioni bianchi e parchi divertimento in Wood Lane, da cui deriva il nome “White City”.  L’area è stata poi riconvertita nella sede dell’Olympics Stadium del 1908, dove si sono svolti i primi Giochi Olimpici del Regno Unito. Oggi è una zona commerciale che copre 17 acri di terreno nell’omonimo rinnovato quartiere.
 
Con circa 84.000 metri quadrati complessivi di uffici, la struttura è stata progettata per un business creativo e moderno, con altri 3 edifici (MediaWorks, che ospita il Tech Hub di YNAP, WestWorks e Garden House). White City Place è parte di un progetto di riqualificazione del valore di 8 miliardi di sterline e della durata di 15 anni per l’intero quartiere White City, che darà vita ad un nuovo hub di attività creative e culturali nell’area Ovest di Londra. Il nuovo quartiere vedrà l’apertura di nuovi ristoranti, hotel e members’ club della Soho House, 2.500 nuove abitazioni, circa 186.000 metri quadrati di uffici. Un nuovo store John Lewis aprirà nel 2018 nel più ampio quartiere di Westfield, che potrà vantare più di 420 negozi e 30 acri di spazi pubblici aperti.
 
Tornando al Tech Hub di YNAP, la struttura ospiterà 500 risorse con l’obiettivo di creare ulteriori 100 posti di lavoro nei prossimi due anni. Inoltre, il team di Londra collaborerà a stretto contatto con i 500 esperti di tecnologia basati a Bologna dove, sempre nei prossimi due anni, è prevista la creazione di 100 nuove posizioni.
 
Il Tech Hub è stato concepito per accelerare l’innovazione e per sviluppare le più sofisticate tecnologie, oltre che per rafforzare le partnership del gruppo con i principali brand della moda e del lusso a livello globale. L’attività del Tech Hub includerà lo sviluppo delle competenze nell’intelligenza artificiale, quali ad esempio la personalizzazione e il riconoscimento delle immagini, e la creazione di tecnologie mobile di nuova generazione.
 
Il Tech Hub è stato progettato per rappresentare uno spazio innovativo che attragga i migliori talenti al mondo, consentendo modalità di lavoro creative. L’ambiente moderno e innovativo dell’hub è stato creato dal pluripremiato studio di architettura britannico Grimshaw, con sedi a New York, Londra, Melbourne, Sydney, Kuala Lumpur e Doha, e un team di oltre 400 persone.
 
YNAP ha anche siglato una partnership con il prestigioso Imperial College di Londra, il cui campus di White City è ancora in fase di costruzione. In particolare l’iniziativa sarà dedicata all’insegnamento del “coding”, ovvero le basi del linguaggio di programmazione, per ragazzi provenienti da contesti svantaggiati in una fascia di età compresa tra gli 8 e i 14 anni.
 
Il progetto denominato “Imperial Codelab Powered by Yoox Net-A-Porter Group” ha come obiettivo quello di dare accesso a un numero sempre maggiore di ragazzi, e soprattutto ragazze, a corsi di programmazione, promuovendo così l’importanza delle competenze digitali. YNAP svolgerà inoltre un ruolo chiave nel progetto di riqualificazione dell’area di White City. Il Gruppo prevede di collaborare con il Royal College of Art e con il Soho House Group, così come con altre società che si trasferiranno in questa zona di Londra, per creare insieme un centro nevralgico dell’innovazione, ricorda l’azienda nel comunicato ufficiale.
 
YNAP ha 2,9 milioni di clienti attivi, 29 milioni di visitatori unici mensili in tutto il mondo e ha generato ricavi netti aggregati pari a 1,9 miliardi di Euro nel 2016. Il gruppo ha centri tecno-logistici e uffici in Europa, Stati Uniti, Giappone, Cina e Hong Kong e distribuisce in più di 180 Paesi nel mondo, oltre a essere quotato alla Borsa di Milano.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Lusso - AltroDistribuzionemediaInnovazione
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER