Wycon Cosmetics dovrà modificare il concept dei propri negozi "copiato" da Kiko

L’insegna italiana Kiko ottiene una vittoria legale contro l’azienda di cosmetica basata a Nola, Wycon Cosmetics, per la difesa del concept dei propri punti vendita.

Lo store concept di Kiko - Kiko

Confermando quanto disposto dalla precedente sentenza del Tribunale di Milano, risalente all’ottobre 2015, la Corte d’Appello meneghina ha deliberato che la società campana modifichi il design delle proprie boutique “presenti sul territorio nazionale entro 150 giorni dalla notifica della sentenza esecutiva”.

Wycon è stata giudicata colpevole di “concorrenza parassitaria”, per avere posto in essere “un comportamento di pedissequa imitazione del complesso delle attività commerciali e promozionali” di Kiko, si legge nella nota diffusa dalla società di proprietà di Percassi.

La Corte ha inoltre disposto il pagamento di una penale di 10.000 euro per ogni punto vendita non modificato entro i termini stabiliti. 

Il risarcimento per aver violato il diritto d’autore che tutela il carattere “originale e creativo” dei negozi Kiko ammonta a 716.250,00 euro, comprensivi delle spese sostenute dall’azienda di cosmetica per il concept degli store realizzato dallo Studio Iosa Ghini. 

Dal canto suo, Wycon ha precisato in un comunicato di “essere in netto disaccordo con tale pronuncia, che sarà oggetto di impugnazione in Cassazione”. L’azienda fondata nel 2009 da Gianfranco Satta e Raffaella Pagano ha inoltre ricordato come altri Tribunali, quali Lisbona e Liegi, abbiano già espresso il loro parare in merito, affermando “che l’allestimento dei punti vendita di Kiko non è originale, essendo costituito da elementi di arredo banali e diffusi in vari negozi” e che quindi “non può essere oggetto di tutela”.

Ma anche in una precedente ordinanza cautelare dello stesso Tribunale di Milano, risalente al 2010, veniva dichiarato che “l’allestimento del negozio Kiko presenta un solo elemento in comune con i negozi Wycon, dato dalla presenza di espositori laterali sulle pareti, forma comunemente utilizzata da vari operatori del settore e che quindi non può essere oggetto di un diritto esclusivo”.

In Italia, la rete di vendita di Wycon Cosmetics, protagonista di un importante restyling con il nuovo layout “5 senses”, è composta da 180 punti vendita monomarca, di cui 30 a gestione diretta e 150 in franchising. 

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

CosmeticiDistribuzione
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER