Woolmark Prize: vincono Bodice, Dyne e Matthew Miller

Bodice per la categoria “Moda donna”, Matthew Miller per la “Moda maschile” e Dyne per l“Innovation award”: questi i vincitori dell'International Woolmark prize 2017-18, annunciati la giornata inaugurale di Pitti Uomo 93, scelti da una giuria composta, tra gli altri, da Miroslava Duma, Phillip Lim, Livia Firth ed Emanuele Farneti, direttore Vogue Italia.

Da sinistra: Ruchika Sachdeva, Christopher Bevans e Matthew Miller - Pitti Immagine

È la prima volta che viene annunciato l'“Innovation award”, ideato da The Woolmark Company in partnership con Future Tech Lab, con l'obiettivo di colmare il divario tra le nuove tecnologie, le innovazioni sostenibili e il settore della moda.

Il CEO e fondatore di Fashion Tech Lab, Miroslava Duma, ha selezionato il primo vincitore. "L'International Woolmark prize ritorna a Firenze”, ha dichiarato il managing director di The Woolmark Company, Stuart McCullough. “Anche per questa volta possiamo affermare di avere i miglior talenti emergenti al mondo che provengono da diverse parti del mondo per competere alla finale di questo prestigioso premio e avere l'opportunità di distribuite le loro collezioni nelle più importanti boutique al mondo".

La novità di questa edizione vede l'ingresso come retail partner della boutique di Beppe Angiolini, Sugar, ad Arezzo. Altra boutique multibrand, la più importante in Australia, entrata nel network del prestigioso premio è Parlour X.

Copyright © 2018 ANSA. All rights reserved.

Moda - Prêt à porter TessileCreazione
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER