×
1 339
Fashion Jobs
EDAS
Commerciale/Export
Tempo Indeterminato · ROMA
THE ATTICO SRL
HR Controller & Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
5 set 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Who's Next registra una dinamica di ripresa soddisfacente

Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
5 set 2022

L’edizione di settembre di Who’s Next (svoltasi da venerdì 2 a lunedì 5, a Parigi), il cui tema giocava con i codici delle università americane e dello sport, ha portato una ventata di ottimismo nonostante un contesto globale segnato dall’inflazione in aumento e, di conseguenza, da consumatori costretti a tirare la cinghia.


Folla all'entrata di Who's Next il primo giorno - FNW


In primo luogo perché dopo diverse sessioni in formato (ultra)ridotto o segnate dall’obbligo di indossare le mascherina e da altre misure preventive per combattere la pandemia di Covid-19, il ritorno alla “normalità” di questa edizione ha portato a un vero relax e a una maggiore semplicità negli scambi.
 
Altro aspetto positivo: gli espositori che proponevano gioielli, calzature, accessori, beauty e ovviamente abbigliamento si sono ritrovati tutti nello stesso padiglione, il numero uno, con una migliore leggibilità degli universi e una reale facilità di circolazione.


FNW


L'offerta in sé è stata l'altra bella sorpresa di questa edizione: i brand hanno lavorato alle loro collezioni per distinguersi, osando con il colore, le stampe, i materiali... e con l'aumento dei prezzi che tutti hanno dovuto applicare.

E tra il lavoro svolto dai brand affermati, gli approcci responsabili presenti nello spazio Impact, i concept di Villa Beauté, le collezioni di player internazionali, come le creazioni proposte dal gruppo di brand taiwanesi (presenti presso lo spazio congressuale allestito come uno stadio di football americano), la diversità delle proposte c'era sicuramente.


FNW


La maggior parte degli espositori ha potuto ritrovare i propri clienti, ma anche a firmare con alcuni prospect, il che rimane un indicatore fondamentale per i marchi che giocano la carta della fiera fisica. Tuttavia, non tutti gli spazi hanno vissuto la stessa dinamica: l'area dedicata a Impact e alle sue soluzioni sostenibili, ad esempio, pare sia stata un po' meno visitata rispetto alle precedenti edizioni.
 
Secondo alcuni espositori, la domenica si è rivelata più affollata del giorno precedente. Gli spazi dedicati al prêt-à-porter e agli accessori hanno visto una buona presenza di buyer, in particolare department store e molti multibrand premium francesi, che pare non abbiano ridotto i loro budget di acquisto. Oltre ai buyer europei, gli espositori hanno avuto la possibilità di incontrare compratori da Canada, Stati Uniti, Giappone e altri Paesi asiatici.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.