×
1 718
Fashion Jobs
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
is&t Finance Specialist
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
RANDSTAD ITALIA
Strategic Policy Manager Categoria Protetta ai Sensi Della lg. 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Rtw Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · NOVARA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
E-Commerce
Tempo Indeterminato · NOLA
JIMMY CHOO
Senior Costing And Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile di Produzione- Fashion Luxury Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
13 ott 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Web Tax rinviata al 2021

Di
Ansa
Pubblicato il
13 ott 2020

L'Ocse lancia un nuovo accorato appello alla comunità internazionale affinché si giunga alla tanto sospirata web tax mondiale sui colossi del web come Amazon, Google o Facebook. I 137 Paesi membri dell'organismo internazionale con sede a Parigi hanno fatto flop. L'obiettivo era quello di giungere ad un'intesa entro fine 2020, la data limite indicata dal G20, ma niente. L'accordo non c'è. A questo punto si spera in una fumata bianca a metà 2021.

Ansa


"In assenza di una soluzione mondiale fondata sul consenso, il rischio di nuove misure unilaterali e non coordinate è reale e aumenta di giorno in giorno", avverte il segretario generale dell'Ocse, Miguel Angel Gurria, secondo cui "condurre questi lavori a buon fine è un imperativo: un fallimento rischierebbe di portare controversie fiscali che rischiano di degenerare in guerre commerciali, in un momento in cui l'economia mondiale è in grande difficoltà".

L'Ocse evoca, tra l'altro, lo scenario nero di un conflitto commerciale di portata globale scatenato dall'adozione di tasse unilaterali sui servizi digitali. Una prospettiva che, secondo l'organismo, potrebbe portare un taglio del Pil mondiale di oltre l'1% annuo.

Secondo l'Ocse, la comunità internazionale ha comunque compiuto "progressi sostanziali" verso la conclusione di una soluzione di lungo termine fondata sul consenso multilaterale. "Il bicchiere è mezzo pieno: il pacchetto è quasi pronto ma manca un accordo politico", ha commentato il responsabile per le politiche fiscali dell'Ocse, Pascal Saint-Amans, che spera in un accordo il prossimo anno.

La road map adottata in sede tecnica - che verrà presentata mercoledì ai ministri delle Finanze del G20 - prevede anche l'instaurazione di un tasso minimo mondiale di imposizione che potrebbe essere fissato al 12,5% .

"Il lavoro realizzato al livello tecnico costituisce una base solida per ottenere finalmente una decisione politica", si è rallegrato il ministro francese dell'Economia, Bruno le Maire, mentre il suo omologo tedesco, Olaf Scholz, vede in questa 'road map' "un enorme passo in avanti".

Intanto, secondo quanto scrive il Financial Times, l'Unione europea sta stilando una lista di una ventina di grandi società di internet, che probabilmente includeranno giganti statunitensi come Facebook e Apple, che saranno soggetti a regole più stringenti nel tentativo di frenare il loro potere sul mercato. Le piattaforme dovranno rispettare un regolamento più severo nei confronti dei concorrenti più piccoli e saranno obbligate a condividere i dati con questi, oltre a essere più trasparenti sulla raccolta delle informazioni. In casi estremi, l'Ue cercherà di affrontare i problemi strutturali scindendo le società o costringendole a vendere unità, se non rispettano le regole sulla concorrenza. L'elenco verrà compilato in base alla quota di ricavi sul mercato e al numero di utenti e potrebbe includere anche società che costringono i concorrenti a utilizzare le proprie piattaforme per commerciare. L'iniziativa da parte di Bruxelles potrebbe accelerare le misure da intraprendere per riequilibrare il mercato dei big tech più rapidamente obbligandoli a condividere i dati con i concorrenti.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.

Tags :
Industry