Vilebrequin: turbo sulla donna, l'espansione internazionale e il total look

In occasione della consegna del “Creative Excellence Award”, assegnato a Vilebrequin dal salone MarediModa, FashionNetwork.com ha incontrato il team direzionale e creativo del marchio francese (dal 2012 nell'orbita del fondo americano G-III Apparel, ndr.), che ha svelato i suoi futuri progetti di espansione e collezione. 

Vilebrequin, modello "Moorea" con stampa Brian May Guitars. E' il costume da bagno in edizione limitatissima che integra la capsule collection dedicata ai Queen, distribuito in sole 6 boutique Vilebrequin al mondo (in Italia da Goldoni a Roma) e venduto a 200 euro

Saranno principalmente tre gli assi di sviluppo del brand a livello di prodotto: l’implementazione delle proposte donna, l’ampliamento del ready-to-wear e il lancio della prima linea di denim, realizzata in licenza con l’italiana Giada SpA di Rovigo, che si occuperà della produzione e distribuzione fino al 2027 in Europa, Nord America, Medio Oriente, Africa, Giappone e Corea del Sud.
 
“La donna oggi genera circa il 12% del giro d’affari aziendale sui mercati più maturi, che sono per la maggior parte quelli europei, ma l’obiettivo è di portare questa percentuale al 30% entro la fine del 2021”, ci ha spiegato Marc Pirinoli, Business development Director per Europa del Sud e Medio Oriente di Vilebrequin.
 
Martine Moutet, direttrice delle collezioni uomo, donna e bambino di swimwear e prêt-à-porter del brand, ha precisato: “Nei mercati per noi emergenti, che sono quelli asiatici, nonché in alcuni Paesi europei, come la Germania, la penetrazione delle collezioni femminili raggiunge già il 20-30% del business, ma otterremo ulteriori crescite soprattutto grazie all’approdo in nuove nazioni, soprattutto di America del Sud e Asia, continuando anche a sviluppare il Medio Oriente, dove siamo già ben distribuiti grazie alla partnership con il gruppo Chalhoub”.

Marco Borioli, Presidente di MarediModa, premia Martine Moutet di Vilebrequin con il "Creative Excellence Award" all'ultima edizione della fiera che si svolge a Cannes

Proprio a supporto del progetto donna l’azienda nata nel 1971 a Saint-Tropez e rinomata per i suoi costumi da bagno per padre e figlio, si è recentemente impegnata ad aprire delle boutique esclusivamente dedicate alle proposte femminili. La prima è stata quella di Cannes, seguita lo scorso anno da Forte dei Marmi, Marbella e Porto Cervo, alcune delle quali stagionali. "Attualmente sono 4 i negozi Vilebrequin donna,  ma per raggiungere il nostro obiettivo del 30% globale, entro tre anni dovremo arrivare ad una ventina", precisa Pirinoli.
 
Quando lo ha acquistato nel 2012, il gruppo statunitense G-III Apparel ha deciso di rilanciare il womenswear dall’anno seguente realizzandone il prêt-à-porter tramite uno studio stilistico interno. Anche per l’uomo e il bambino viene ormai proposto un total look.

Vilebrequin per i Queen

Il terzo asse di sviluppo in termini di collezione sarà concentrato sulla linea di jeans creata con Giada, i cui primi frutti, per la stagione Autunno-Inverno 2019/20, saranno presentati nel corso del Pitti Uomo del prossimo gennaio, dove Vilebrequin occuperà lo spazio precedentemente assegnato al marchio di pelletteria The Bridge. “Cominceremo dall’uomo, con una linea di 100 referenze e con alcuni modelli ‘mini-me’ anche per il bambino”, precisa Martine Moutet.
 
Europa, USA e Medio Oriente, in quest’ordine, sono i tre mercati più maturi per Vilebrequin, che chiuderà il 2018 con un fatturato globale di oltre 80 milioni di euro, il doppio rispetto al 2012 (due anni prima erano 60 milioni). Il brand è presente in più di 60 nazioni con un network di circa 200 monomarca (21 si trovano in francia, 16 in Italia), e con oltre 600 negozi multimarca. “L’obiettivo è di arrivare fra tre anni ad un fatturato di 120 milioni di euro”, rivela Marc Pirinoli.

Vilebrequin

A livello retail, il primo mercato aziendale sono gli USA, seguiti da Francia e Italia, quasi a pari merito. “Ma le nazioni cresciute di più in questo esercizio sono state Spagna ed Inghilterra, seguite dall’Italia. Fra i nostri mercati emergenti chi ha performato meglio è stata la Germania”.
 
Vilebrequin aprirà un secondo negozio a Milano l’anno prossimo, ci rivela infine il Business Development Director: “L’obiettivo è di inaugurarlo a marzo 2019 in una location che sicuramente sarà posizionata nel Quadrilatero della Moda”, puntualizza. “Ma sostanzialmente il nostro intento è di rafforzarci in tutte le maggiori capitali internazionali, come Roma (dove vantiamo negozi in Via dei Condotti e Via del Babuino), ma anche Parigi, Londra, Madrid e Monaco”.

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter DenimCostumi da bagnoDistribuzioneBusinessCollezione
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER