×
368
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital go to Market Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
INTICOM S.P.A.
Legal Specialist
Tempo Indeterminato · GALLARATE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Content Specialist
Tempo Indeterminato ·
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Commercial Legal Counsel
Tempo Indeterminato · MILAN
CONFIDENZIALE
Senior Merchandising Manager - Women's
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Area Manager Nord e Centro Europa - Abbigliamento Lusso
Tempo Indeterminato ·
MICHAEL PAGE ITALIA
Responsabile Commerciale Linea Donna - Abbigliamento Lusso
Tempo Indeterminato ·
THUN SPA
Head of Demand Management
Tempo Indeterminato · BOLZANO
THUN SPA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Rtw Talent Development Partner
Tempo Indeterminato · NOVARA
ANONIMO
e - Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistic Planning And Outbound Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ST. BARTH SRL
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION S.R.L.
Digital Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Media Content Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LK
Sales
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Supply Chain Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager Retail
Tempo Indeterminato · PALERMO
CONFIDENZIALE
Mrtw Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PRAXI
Responsabile Pianificazione Produzione Pelletteria Production Planning Manager Leather Goods
Tempo Indeterminato · FIRENZE
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
19 ott 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

VF Corp riprende tono e realizza utili più alti del previsto

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
19 ott 2020

Le conseguenze finanziarie della pandemia di Covid-19 continuano a farsi sentire, ma il gruppo di abbigliamento e calzature VF Corporation, che ha sede a Denver (Colorado), ha comunque registrato un utile netto di 256,7 milioni di dollari (218,42 milioni di euro) nel secondo trimestre, chiuso lo scorso 26 settembre.

VF Corp ritorna a crescere in Cina e sul canale digitale - Instagram: @vans


Queste cifre rimangono ben al di sotto degli utili di 649 milioni di dollari (552,22 milioni di euro), o 1,55 dollari (1,32 euro) per azione, registrati dalla società nello stesso periodo dell’anno scorso.
 
Tuttavia, l'utile per azione rettificato (adjusted) del gruppo raggiunge gli 0,66 dollari (0,56 euro), mentre gli specialisti di FactSet avevano stimato 0,48 dollari (0,41 euro), secondo informazioni pubblicate da MarketWatch.

Il fatturato trimestrale dell’azienda, che possiede i marchi Vans, The North Face e Timberland, è sceso del 18%, a 2,6 miliardi di dollari (2,21 miliardi di euro), contro i 3,2 miliardi di dollari (2,72 miliardi di euro) dello stesso periodo dello scorso anno. Questa diminuzione è principalmente dovuta alla chiusura di negozi e alla contrazione della domanda causata dalla pandemia di coronavirus, nonché dalle misure restrittive imposte in tutto il mondo per frenarne la diffusione.
 
In questo trimestre, è stato il segmento “outdoor” del gruppo ad aver sofferto di più, con una contrazione delle vendite del 24%. Il segmento “activewear” accusa invece una diminuzione del 15%. L'abbigliamento da lavoro, invece, ha visto aumentare il proprio fatturato del 14%.
 
Nel trimestre, le vendite di VF negli Stati Uniti sono calate del 21%. All’estero la contrazione è del 15%, con un -16% in Europa e un -38% sui mercati americni, USA esclusi. Nell’Asia-Pacifico la tendenza è al rialzo, con un +2%, grazie al balzo del 21% della Cina continentale.
 
Per canale, i ricavi delle vendite dirette perdono il 17% nel trimestre, mentre le vendite dirette online mostrano una notevole progressione del 44%.
 
Nel primo semestre fiscale, VF rende noto un fatturato di 3,7 miliardi di dollari (3,15 miliardi di euro), in discesa rispetto ai 5,2 miliardi di dollari (4,42 miliardi di euro) dello stesso periodo dello scorso anno. La perdita netta del periodo raggiunge i 28,9 milioni di dollari (24,59 milioni di euro), contro il profitto di 698,2 milioni di dollari (594,08 milioni di euro) ottenuto un anno prima.
 
“Per il momento, i nostri risultati superano le previsioni che avevamo elaborato internamente, principalmente grazie al digitale e alla Cina, due delle nostre principali aree di crescita”, commenta Steve Rendle in un comunicato stampa. Il CEO di VF prosegue: “Stiamo iniziando a vedere segni di stabilizzazione e rafforzamento in tutti gli aspetti della nostra attività, il che ci dà conforto nell'aumentare i dividendi e nel pubblicare delle previsioni finanziarie per l'intero anno”.
 
VF spera di realizzare vendite annue di almeno 9 miliardi di dollari (7,66 miliardi di euro), il che rappresenterebbe un calo di circa il 14% su base adjusted rispetto all’anno scorso. Il ricavo annuale per azione adjusted dovrebbe situarsi ad un minimo di 1,20 dollari (1,02 euro).
 
Il gruppo ha anche recentemente rinnovato la propria leadership: Steve Murray è stato nominato presidente di The North Face, mentre Winnie Ma ha preso le redini dell’attività di VF nella Grande Cina.

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.