×
768
Fashion Jobs
CAMICISSIMA
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Impiegato/a Ufficio Commerciale
Tempo Indeterminato · MERATE
DELL'OGLIO
Resident Seller
Tempo Indeterminato · PALERMO
BRAMA SRL
Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
JD SPORTS FASHION PLC
HR & Payroll Advisor - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
OFF-WHITE C/O VIRGIL ABLOH
Franchising Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Network & Security Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
CONFIDENZIALE
Sistemista IT
Tempo Indeterminato · LUGANO
NEIL BARRETT
IT Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
INTICOM
Digital Media Manager
Tempo Indeterminato · GALLARATE
FOURCORNERS
Product Marketing Manager - Fragranze
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
NEIL BARRETT
Logistic And Customer Service Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Developer
Tempo Indeterminato · COMO
ANONIMA
Commerciale Senior
Tempo Indeterminato · CREMONA
MIROGLIO FASHION S.R.L.
Digital Marketplace Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
SLOWEAR SPA
Retention Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
SLOWEAR SPA
Omnichannel Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
31 gen 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

VF Corp: gli utili scendono del 25% nel terzo trimestre

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
31 gen 2021

Sulla scia dell'acquisizione del marchio Supreme, il gruppo statunitense VF Corporation, con sede a Denver, Colorado, ha registrato un utile netto di 347,2 milioni di dollari (286,6 milioni di euro) nel terzo trimestre, conclusosi il 26 dicembre, un risultato in calo del 25% rispetto ai 465,0 milioni di dollari (383,8 milioni di euro) generati nel corso dello stesso periodo dell’esercizio precedente. Quanto all'utile diluito per azione, il dato è passato da 1,16 a 0,88 dollari.

VF ha comprato Supreme lo scorso gennaio - Instagram: @supremenewyork


Il fatturato trimestrale della società è diminuito del 6% rispetto al terzo trimestre del 2019, passando da 3,2 a 3,0 miliardi di dollari (da 2,6 a 2,5 miliardi di euro). A cambi costanti il calo è dell’8%.
 
Questo calo è in gran parte legato alla chiusura temporanea dei negozi implementata per arginare la pandemia di Covid-19, così come alla diminuzione della domanda dei consumatori provocata dalla crisi sanitaria.

All'inizio del trimestre era operativo oltre il 95% dei negozi di proprietà di VF in Nord America, con tutte le location che avevano riaperto a metà ottobre. Ma a causa della recrudescenza dell'epidemia, quasi il 15% dei negozi dell'azienda nella regione ha dovuto chiudere i battenti alla fine di dicembre.
 
Allo stesso modo, dopo aver iniziato il terzo trimestre con quasi tutti i suoi negozi aperti in Europa, Medio Oriente e Africa (regione EMEA), il dettagliante è stato costretto a chiudere circa il 50% dei propri punti vendita nella regione alla fine del trimestre. In compenso, nella zona Asia-Pacifico (APAC) la quasi totalità degli store di VF Corp ha potuto rimanere aperta per tutto il trimestre.
 
Nel complesso, il fatturato internazionale del gruppo è rimasto stabile, con il calo delle vendite nelle Americhe del 17% (USA esclusi) che è stato parzialmente compensato dagli aumenti dell'1% nell’area EMEA e del 6% nella regione APAC. Il fatturato dell'azienda è cresciuto del 18% solamente nella Grande Cina, compreso un +22% nella Cina continentale. I suoi ricavi sono diminuiti dell'11% negli Stati Uniti.
 
Le vendite dirette al consumatore di VF sono scese del 2%, nonostante una crescita del 53% delle vendite dell’e-commerce. I ricavi derivanti dalle vendite all’ingrosso sono diminuiti del 10%.
 
Il fatturato trimestrale del segmento sportswear del dettagliante è sceso del 9% in un anno — soprattutto per il marchio Vans, che ha registrato una diminuzione del 6%. Nella categoria outdoor, la società ha subito una contrazione del 5%, nonostante vendite stabili per The North Face. Al contrario, nel segmento dell'abbigliamento professionale, i ricavi di VF sono aumentati dell'8%, con una crescita del 9% per il marchio Dickies.
 
Dall’inizio dell’anno, i ricavi di VF hanno raggiunto i 6,7 miliardi di dollari (5,5 miliardi di euro), in discesa del 21%. L’utile netto è stato di 318,3 milioni di dollari (262,8 milioni di euro), contro gli 1,2 miliardi di dollari dei primi nove mesi dell’esercizio 2019 (-73%).
 
Alla luce dei risultati del terzo trimestre, VF ha rivisto al rialzo le sue previsioni finanziarie per la totalità dell’esercizio. Ora la società prevede di registrare un fatturato nell’ordine dei 9,1-9,2 miliardi di dollari (da 7,5 a 7,6 miliardi di euro), stima che include circa 125 milioni di dollari (103,2 milioni di euro) di introiti provenienti dal marchio Supreme appena acquisito dal gruppo.

“Il nostro portafoglio resta sulla buona strada per tornare a crescere nel quarto trimestre e siamo fiduciosi nella nostra strategia, che mira ad accelerare la nostra crescita fino all'anno fiscale 2022, e continuare la trasformazione del nostro modello di business”, ha indicato in un comunicato il CEO di VF, Steve Rendle, secondo il quale i “risultati del terzo trimestre sono stati largamente superiori alle attese, nonostante l’impatto della pandemia di Covid-19 sulle nostre attività”.
 

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.