×
1 625
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA SRL
ww Distribution Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Project Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
EDAS
Responsabile Amministrativo/a
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Digital Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
MANPOWER PROFESSIONAL
Expansion Manager Franchising
Tempo Indeterminato · CESENA
VIVIENNE WESTWOOD SRL
Purchasing And Procurement Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
JIL SANDER SPA
IT Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Product Manager Maglieria
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Milano
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
ANONIMA
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
26 ott 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

VF Corp delude nel secondo trimestre

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
26 ott 2021

La statunitense VF Corp, casa madre dei marchi Vans, The North Face e Supreme, ha generato 3,2 miliardi di dollari (2,76 miliardi di euro) di ricavi nel secondo trimestre, per un aumento pari al 23%, o del 21% a tassi di cambio costanti, in un anno.

Vans - Instagram: @vans


Ma questa cifra ha deluso gli analisti. Secondo MarketWatch, FactSet aveva previsto 3,5 miliardi di dollari (3,02 miliardi di euro) di entrate, il che ha causato un calo del valore delle azioni del gruppo di quasi il 7% prima dell'apertura del mercato azionario venerdì scorso.
 
Se escludiamo il contributo di Supreme, che il gruppo ha acquisito a dicembre, le vendite di VF nel secondo trimestre, conclusosi il 2 ottobre 2021, sono aumentate del 19% su base annua, o del 17% escludendo gli effetti valutari.

Per la sua divisione “Active”, l'aumento è del 16%, di cui l'8% ricavato da Vans, con una crescita di 8 punti percentuali generata dalle acquisizioni. Per la categoria “Outdoor” la crescita è stata del 31%, grazie in particolare al balzo del 31% di The North Face. Le vendite della categoria “Workwear” crescono del 18%, con un +21% in casa Dickies.
 
I ricavi generati dall'estero sono aumentati del 18% su base annua, con un +19% in Europa e un +9% nella Greater China.
 
Per canale distributivo, le vendite dirette sono aumentate del 32%, mentre il digitale ha guadagnato il 24%. Il wholesale, che “soffre ancora materialmente per i tempi dei trasporti a causa di ritardi nelle prese di consegna nei porti e di problemi logistici”, come sottolinea VF, è cresciuto ancora del 17%.
 
L'utile netto trimestrale della società si attesta a 464,1 milioni di dollari (399,86 milioni di euro) o 1,18 dollari (1,02 euro) per azione, in crescita rispetto ai 256,7 milioni di dollari (221,17 milioni di euro) o 0,62 dollari (0,53 euro) per azione, dello stesso periodo dello scorso anno.
 
Nel primo semestre dell'anno fiscale, le vendite di VF sono state pari a 5,4 miliardi di dollari (4,65 miliardi di euro), pari al 46% in più dei 3,7 miliardi (3,19 miliardi di euro) registrati nei primi sei mesi del 2020. Nel periodo, l’utile netto ha raggiunto i 788,3 milioni di dollari (679,18 milioni di euro), pari a 1,58 dollari (1,36 euro) per azione, contro le perdite di 28,9 milioni di dollari (24,9 milioni di euro), o 0,09 dollari (0,078 euro) per azione, dell’anno precedente.
 
“La ripresa è stata rallentata da ulteriori sconvolgimenti legati alla pandemia, ma continuiamo a vedere un'accelerazione della domanda per tutte le nostre attività. Siamo quindi in grado di confermare le nostre previsioni di entrate e profitti per l'intero anno 2022, il che testimonia della solidità e della flessibilità del nostro modello”, aggiunge il CEO Steve Rendle.
 
VF punta su un fatturato annuo di circa 12 miliardi di dollari (10,34 miliardi di euro), ovvero su una crescita di quasi il 30% in un anno.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.