×
1 242
Fashion Jobs
INTICOM
Digital Media Manager
Tempo Indeterminato · GALLARATE
FOURCORNERS
Visual & Sales Account Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
FOURCORNERS
Product Marketing Coordinator - Skincare
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Area Manager Wholesale Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Product Manager Accessori
Tempo Indeterminato · TREVISO
DELL'OGLIO
Sales Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
CLARKS - ASAK & CO. S.P.A.
Addetta/o Ufficio Commerciale
Tempo Indeterminato · BUSSOLENGO
RANDSTAD ITALIA
Coordinator Ufficio Commerciale & Marketing
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Autista di Direzione (Driver)
Tempo Indeterminato · MILANO
MASSIMO BONINI SHOWROOM
Impiegato/a Back Office Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
IRIDE GROUP SRL
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
FOURCORNERS
Brand Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
CAPRI SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
OTTICA GIULIANELLI
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · FERRARA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Adnkronos
Pubblicato il
18 feb 2016
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Vendita Valentino: Matteo Marzotto condannato a 10 mesi per evasione fiscale

Di
Adnkronos
Pubblicato il
18 feb 2016

Matteo Marzotto è stato condannato a dieci mesi nel processo milanese di primo grado sulla cessione di Valentino Fashion Group al fondo Permira. Anche la sorella Diamante è stata condannata a dieci mesi con la sospensione condizionale della pena e la non menzione della condanna; stessa pena per l'imputato Massimo Caputi. Il pm Gaetano Ruta aveva chiesto per tutti una condanna a un anno e quattro mesi.

Matteo Marzotto


La reazione - "Siamo sempre stati convinti dell'infondatezza dell'accusa che è emersa limpidamente dall'istruttoria dibattimentale: tutte le carte e tutti i testimoni, sia dell’accusa sia della difesa, hanno infatti sempre confermato la nostra completa estraneità ai fatti. Per questo la sentenza del tribunale di Milano ci sorprende e fatichiamo a capire come due soci di minoranza che non hanno mai preso parte alla gestione della società possano essere considerati colpevoli di un reato eventualmente commesso dagli amministratori", spiega Matteo Marzotto che come gli altri imputati ha sempre escluso ogni ipotesi di patteggiamento.

"E' stato dimostrato durante il processo con articoli di stampa, nazionale e internazionale, e numerose testimonianze - tra cui quella dell’allora amministratore della società lussemburghese - che il sottoscritto, all’epoca dei fatti presidente di Valentino, è sempre stato contrario alla vendita della casa di moda, e il successivo sviluppo dell’azienda mi ha purtroppo dato ragione. Oggi sono stato condannato per un'operazione, la cessione di Valentino, alla quale mi ero opposto con tutte le mie forze, visto che il mio unico intento, acquisendo le quote di ICG, era quello di consolidare il controllo e impedire così le scalate ostili che da più parti si paventavano".

Per tutti gli imputati l'accusa è di omessa dichiarazione dei redditi e riguarda l'operazione che nel 2008 aveva portato la società ICG a cedere al fondo Permira il marchio Valentino Fashion Group. Vendita effettuata, secondo l'ipotesi accusatoria, senza pagare in Italia i 71 milioni di imposte dovute sulla plusvalenza da 200 milioni realizzata da ICG in Lussemburgo. Un "fenomeno di esterovestizione" di una società con "sede legale all'estero ma gestita completamente dall’Italia", a usare le parole del pm Ruta durante la requisitoria. Oggi il giudice ha disposto il dissequestro e la restituzione delle somme che erano state sequestrate agli imputati, oltre a concedere loro le attenuanti. "Per quanto concerne mia sorella Diamante - aggiunge Matteo Marzotto - è stata dimostrata, con documenti e testimonianze, la sua estraneità ai fatti, essendosi occupata solo della sua famiglia per tutta la vita, senza mai interessarsi alla gestione delle aziende".

Difesa pronta a fare ricorso - E conclude: "Si è colpevoli soltanto dopo una sentenza definitiva e questo è solo il primo grado, così come era accaduto in altri e noti casi che la stessa procura ha richiamato durante il processo e per i quali la Cassazione ha infine escluso ogni addebito. Leggeremo le motivazioni e ci difenderemo in appello; è certo, però, che in questo contesto diventa difficile conciliare il fare impresa e investimenti".

Copyright © 2021 AdnKronos. All rights reserved.

Tags :
Altro
Nomine