×
1 364
Fashion Jobs
VINCENZO ZUCCHI SPA
Area Manager Retail - Centro Italia
Tempo Indeterminato · ROMA
MICHAEL PAGE ITALIA
Product Manager Per Realtà Capospalla Luxury Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
ALBISETTI INDUSTRIES
Addetto Ufficio Produzione ed Avanzamento
Tempo Indeterminato · LURATE CACCIVIO
SPACE STYLE SRL
Impiegata/o Ufficio Acquisti/Produzione
Tempo Indeterminato · FUNO
MANTERO SETA
Controller Industriale
Tempo Indeterminato · GRANDATE
INTERFASHION SPA
Worldwide Sales Manager / Responsabile Vendite Mondo
Tempo Indeterminato · RIMINI
JIMMY CHOO
Stock Controller
Tempo Indeterminato · FIDENZA
CONFIDENTIEL
Ecommerce Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Product Manager / Luxury / Lugano
Tempo Indeterminato · LUGANO
JIL SANDER
Collection Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Amministrazione e Bilancio
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
IT Manager (Analista Programmatore)
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMO
IT Application Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
Area Manager Verona
Tempo Indeterminato · VERONA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Controllo di Gestione - Azienda Moda
Tempo Indeterminato · FERRARA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Analyst Business Unit Armani|Exchange
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Export Manager Abbigliamento Uomo/Donna
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA LOGISTICA S.R.L.
Bottega Veneta Shoes Production Manager
Tempo Indeterminato · VIGONZA
ELISA GAITO SHOWROOM
Coordinamento e Sviluppo Mercato Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
BURBERRY
Programme Manager, Corporate Responsibility
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Lavorazioni Esterne-Calzature
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
RANDSTAD ITALIA
Tecnico di Industrializzazione-Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
Di
APCOM
Pubblicato il
16 ott 2012
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Uzbekistan: stop a bimbi per raccolta cotone, ora vanno i medici

Di
APCOM
Pubblicato il
16 ott 2012

Continuare a mandare i bambini a raccogliere il cotone era imbarazzante. Quindi il regime dell'Uzbekistan ha deciso di porre un freno. Tuttavia, non ha neanche iniziato a conformarsi alle regole internazionali sul lavoro e continua a sfruttare il lavoro forzoso, mandando a lavorare nelle piantagioni medici e infermieri. Lo racconta oggi il sito internet della Bbc.

Raccolta Cotone


"Ho 50 anni e ho l'asma. Dobbiamo raccogliere tantissimo cotone e non ci pagano niente", ha raccontato Malvina, un'infermiera mandata a lavorare nei campi. Una scelta, questa, che lascia sguarniti gli ospedali. "C'è gente che telefona al nostro chirurgo, che è qui a lavorare nei campi. E gli dice cose come 'Mi hai operato una settimana fa, ora ho la febbre: che devo fare?'"

L'Uzbekistan è uno dei più grandi produttori di cotone al mondo ed è fornitore di alcune delle più importanti marche del casual globale. Il fatto che finora abbia largamente utilizzato il lavoro dei bambini, peraltro non ancora scomparso secondo la Bbc, ha portato alcuni di questi brand - H&M, Marks and Spencer e Tesco - a comprare altrove la materia prima.

Di conseguenza il primo ministro Shavkat Mirziyayev ha emesso un decreto che vieta il lavoro minorile. Tuttavia non ha posto termine alle corvée - organizzate dal governo stesso - che interessano molti cittadini, tra cui insegnanti e impiegati. Da quest'anno medici e infermieri.

Si stanno verificando, racconta la Bbc, casi di pazienti gravi rimandati a casa dagli ospedali perché i medici sono "a fare cotone". La situazione resta, peraltro, sottotraccia, perché c'è un certo controllo sulla stampa. La stessa Bbc, a cui è vietato il permesso di lavorare nel Paese centro-asiatico, ha potuto raccogliere la testimonianza di Malvina (il cui nome non è reale) per via telefonica.

Alla città di Tashkent è stata chiesta una fornitura di 330 tra medici e infermieri e sono stati scelti non tenendo neanche particolare conto delle loro condizioni fisiche. Devono raccogliere ogni giorno 60 kg di cotone ma, non riuscendo a raggiungere l'obiettivo, sono costretti a comprare il cotone di tasca loro dai coltivatori locali. Un vero inferno.

L'Uzbekistan ha una quota del raccolto globale di cotone pari al 4 per cento e il 10 per cento dell'export del cosiddetto "oro bianco", che ammonta al 45 per cento dell'export totale del paese.

Fonte: APCOM