×
1 783
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Head of Production
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Site Management Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ELENA MIRO'
Head of Merchandising & Buying
Tempo Indeterminato · ALBA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
PATRIZIA PEPE
Digital Adversiting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Business Controller
Tempo Indeterminato · FIRENZE
CONFIDENZIALE
IT Help-Desk
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
International Key Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
CRM Manager, Fashion Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
NALI ACCESSORI
Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · NAPOLI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Business Developer- Interior Design Lusso
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Rtw ww
Tempo Indeterminato · VICENZA
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Denim
Tempo Indeterminato · VICENZA
CONFIDENZIALE
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · TORINO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Buyer Accessori di Produzione e Lavorazioni
Tempo Indeterminato · PADOVA
CMP CONSULTING
E-Commerce Specialist - Korean Speaking
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
18 mar 2022
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Uzbekistan: fine del boicottaggio per la filiera tessile

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
18 mar 2022

Il 10 marzo il gruppo di ONG Cotton Campaign ha ufficializzato la sospensione della sua richiesta di boicottaggio nei confronti dell'industria uzbeka, che da diversi anni è stata presa di mira per il ricorso al lavoro forzato e a quello dei bambini nella raccolta del cotone. 331 marchi internazionali hanno aderito a questo boicottaggio dal 2011 a oggi. Per l'organizzazione, gli sforzi profusi dal governo uzbeko si sono concretizzati in occasione della stagione del raccolto 2021.

L'incontro tra i membri del governo uzbeko e i leader della Cotton Campaign nel dicembre 2021 - Cotton Campaign


Cotton Campaign indica infatti che l'organismo indipendente che monitora le condizioni di raccolta del cotone dal 2009, l'Uzbek Human Rights Forum, ha segnalato per la prima volta l’assenza del ricorso sistematico al lavoro forzato nel 2021.
 
La notizia è il risultato di un programma di riforme stabilito nel 2017 dal governo uzbeko, in coordinamento con la Cotton Campaign, che due anni dopo ha portato a perseguire penalmente l’utilizzo del lavoro forzato nel Paese. Contestualmente erano state abolite le quote di produzione, mentre erano stati aumentati i salari, incrementando il numero dei volontari che partecipano ai raccolti.

“I membri della coalizione [Cotton Campaign, ndr.] osservano che questo risultato storico è il risultato di molti anni di duro lavoro da parte di attivisti della società civile uzbeka, di militanti internazionali per i diritti umani e di marchi transnazionali, nonché dell'impegno del governo dell'Uzbekistan per sradicare il lavoro forzato”, precisa l'organizzazione.
 
“Nel contempo, riconoscendo la necessità di adottare ulteriori misure per rafforzare il ruolo della società civile e creare un ambiente favorevole al successivo monitoraggio indipendente del rispetto dei diritti dei lavoratori, le parti hanno espresso la volontà di continuare una cooperazione attiva per garantire trasparenza e tracciabilità nella filiera”.

L'industria tessile uzbeka afferma di aver prodotto un milione di tonnellate di fibra di cotone nel 2021 - Shutterstock


Per misurare i progressi fatti, va ricordato che Cotton Campaign ancora nel 2016 stava facendo pressioni su Washington per ottenere che l'Uzbekistan fosse mantenuto nella classifica dei peggiori Paesi in termini di lavoro forzato e minorile. L'anno successivo, l'UE ha allentato la pressione sull'industria uzbeka; troppo presto secondo alcune ONG. Nel 2019, i primi effetti della politica del governo di sradicare il lavoro forzato hanno fatto nascere la speranza che l'ex enclave sovietica, che è uno dei maggiori produttori mondiali di cotone, normalizzasse la sua situazione delle esportazioni.
 
È in quest’ottica che una delegazione uzbeka ha partecipato a febbraio al salone parigino del tessile e della pelle Texworld. “Siamo stati precedentemente criticati (...) per l'uso del lavoro minorile o forzato”, ha affermato lo stesso ambasciatore uzbeko in Francia, Sardor Rustambaev. “È una pratica che è stata completamente interrotta cinque anni fa”, ha voluto precisare il diplomatico ai professionisti del settore. Il 9 febbraio, l'Ambasciatore ha firmato un accordo di cooperazione con l'Unione Francese delle Industrie Tessili (UIT), volto a “promuovere il commercio bilaterale fornendo le informazioni necessarie per identificare le opportunità”.
 
Il vicepresidente dell'Uztekstilprom (l'associazione uzbeka dell'industria tessile), Davron Vakhabov, ha da parte sua sottolineato a febbraio che le esportazioni tessili del Paese verso l'UE sono aumentate del 169%, a 144 milioni di dollari (131 milioni di euro), nel 2021. E dovrebbero raggiungere i 246 milioni di dollari quest'anno.
 
Sul versante produttivo, secondo il responsabile, nel 2021 nel Paese è stato prodotto un milione di tonnellate di fibre di cotone, il che posiziona l'Uzbekistan al 6° posto nel mondo, dietro a India, Cina, Stati Uniti, Pakistan e Brasile. Fibre a cui si aggiungono 862 tonnellate di filato (65% esportato), 716 milioni di metri quadrati di tessuto (44% esportato) e 203.000 tonnellate di maglia (23% esportato).

In un campo di cotone vicino a Tashkent, Uzbekistan, il 24 ottobre 2019 - AFP - Yuriy KORSUNTSEV


“Stiamo puntando su grandi progetti per modernizzare la nostra industria, che è verticalizzata”, spiega Davron Vakhabov, che accenna a 4 miliardi di dollari di investimenti industriali impegnati nei prossimi 5 anni. E che fa notare come su 1,9 miliardi di capi di abbigliamento fabbricati lo scorso anno nel Paese, un terzo sia stato esportato. Tra cui 458 milioni di capi di maglieria, che fanno del tessile-abbigliamento un pilastro dell'economia locale, con il 45% dell'export totale.
 
Forte di oltre 7.000 aziende tessili (tra cui sei produttori di macchinari), che impiegano più di 400.000 persone, l'Uzbekistan ha esportato beni per un valore di 3,04 miliardi di dollari lo scorso anno. Il Paese punta sulla sua nuova frequentabilità per portare tale cifra a 3,3 miliardi nell'esercizio 2021.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.