×
1 568
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Upim si rilancia e apre in via Marghera a Milano

Pubblicato il
today 17 ott 2019
Tempo di lettura
access_time 3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Nuovo indirizzo per Upim, lo storico “family store” di proprietà del gruppo OVS, che prosegue il progetto di rinnovamento avviato 5 anni fa aprendo un nuovo spazio di 1.500 metri quadrati in via Marghera, a Milano, dove sono ospitate anche le collezioni bimbi e ragazzi del brand BluKids (0 mesi – 15 anni) e le proposte per la casa dell’insegna Croff, entrambi parte del gruppo.

Il nuovo store Upim di via Marghera a Milano

 
“Cinque anni fa, dopo l’acquisizione, circa il 70% degli store Upim sono stati trasformati in OVS. Abbiamo deciso di rilanciare gli altri, partendo dai 90 anni di storia dell’insegna e con un obiettivo ben preciso in mente: avere un rapporto sempre più stretto con la nostra clientela garantendole, oltre all’offerta merceologica, dei servizi quali una sartoria per riparazioni veloci, una lavanderia, corsi di cucina, ecc.”, ha spiegato a FashionNetwork.com Massimo Iacobelli, Direttore Generale di Upim. “Il rapporto col cliente è uno dei nostri principali punti di forza, basti pensare che le carte fedeltà rappresentano oltre il 50% delle vendite. Mettiamo al primo posto la qualità: oggi il prezzo non fa più la differenza, è scontato che occorra rimanere in un determinato range di prezzi, bisogna far leva sulla qualità dei prodotti”.
 
Il core business di Upim è la donna, che rappresenta l’86% delle visite, seguita dal bambino e da uomo e casa ex equo; in termini di categorie merceologiche, l’abbigliamento rappresenta il 65% del giro d’affari, seguito da profumeria e articoli per la casa. “La nostra mission è di offrire la massima ampiezza di assortimento, per facilitare la vita al cliente, che da noi trova tutto ciò che gli serve sotto lo stesso tetto”, prosegue Iacobelli. “Abbiamo rilevato che il segmento casa funziona meglio quando è proposto stand alone e su strada, con l’insegna Croff, perché viene vissuto come più specialistico”.

Lo spazio dedicato alle collezioni junior BluKids

 
Oggi il gruppo conta in Italia 237 store Upim, di cui 40 aperti quest’anno; la previsione è di continuare per almeno tre anni con una decina di aperture dirette all’anno, mentre “per il franchising non ci diamo limiti”, precisa il DG.

Per quanto riguarda BluKids, l’insegna è presente con 270 negozi in Italia e una settantina all’estero, tutti in franchising, soprattutto nei Paesi delll’Est (Slovenia, Croazia e Serbia); la società sta cercando partner per aperture in nuovi mercati europei. Infine, per Croff, marchio storico dell’home decoration, il gruppo ha avviato un progetto pilota che vede oggi 8 store italiani e prevede di aprirne altri entro il 2020.

L'insegna per la casa Croff

 
Upim ha chiuso il 2018 con un fatturato di 250 milioni di euro. “Oggi la nostra quota di mercato in Italia è dell’1,65%, abbiamo quindi grandi potenzialità di crescita, raddoppiando o addirittura triplicando la nostra rete”, conclude Iacobelli. “Abbiamo anche avviato una partnership con la catena di ipermercati Iper, aprendo dei shop-in-shop all’interno delle loro strutture; siamo entrambi molto soddisfatti e contiamo di replicare l’iniziativa in altre location”.
 
Il gruppo OVS ha chiuso lo scorso 31 gennaio l’esercizio fiscale 2018-19 con un leggero calo di fatturato, a 1.391,6 milioni di euro (-1,7%), ma con un boom dell’online, arrivato a 16 milioni di euro (+87%) e vendite organiche internazionali a 70 milioni di euro (+18%). L’EBITDA rettificato è sceso del 26,6% rispetto ai 144,2 milioni di euro dell’esercizio precedente.
 
"La redditività del secondo semestre avrà una crescita rilevante rispetto allo scorso anno, non abbiamo più la necessità di valorizzare la merce in eccesso e quindi siamo ritornati a una situazione di normalità”, ha dichiarato Stefano Beraldo, CEO di OVS, in occasione dell’inaugurazione del nuovo store Upim. “Il 2019 non sarà un anno di crescita a tutti i costi, ma puntiamo sull’aumento della marginalità e vogliamo migliorare la nostra quota di mercato in Italia, oggi pari a circa l’8%”.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.