×
1 373
Fashion Jobs
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta Human Resources Generalist (Creative Talents)
Tempo Indeterminato · MILANO
SETTORE BELLEZZA
CRM Specialist (Sede Origgio)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
RETAIL SEARCH SRL
Direttore Boutique Lusso Firenze
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Learning & Development Specialist
Tempo Indeterminato ·
JIMMY CHOO
Stock Controller
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
PVH ITALIA SRL
E-Commerce Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Wholesale Account Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Facility & IT Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PHILIPP PLEIN
Vip Key Account Manager / Online Sales Associate
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
E-Commerce Coordinator
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
(Junior) Marketplace Manager (Farfetch)
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
(Junior) Marketplace / Multichannel Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Export Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Industrializzatore
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Menswear Brand Sales Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Expansion Manager Nord
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Digital Customer Care Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
RANDSTAD ITALIA
HR Learning & Development Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Responsabile Commerciale Estero Brand Fashion Premium
Tempo Indeterminato ·
Pubblicità
Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
25 lug 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Unilever: l’utile del primo semestre ridotto da cambi e costi

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
25 lug 2021

Il gigante dei cosmetici e dell'alimentazione Unilever ha registrato una diminuzione del proprio utile nel primo semestre a causa di effetti di cambio negativi e di una inflazione dei costi.

Hourglass


Nei primi sei mesi dell'anno, l'utile netto parte del gruppo è sceso del 5% anno su anno, a 3,1 miliardi di euro, secondo un comunicato di giovedì scorso.
 
Il fatturato di Unilever è cresciuto solo dello 0,3%, a 25,8 miliardi di euro, in gran parte a causa di effetti valutari sfavorevoli, con il gruppo che sostiene che questo dato sarebbe stato molto più alto a tassi di cambio costanti.

I margini hanno risentito molto anche degli investimenti nei marchi effettuati dal gruppo, ma anche dell'inflazione nei costi delle materie prime, degli imballaggi e della distribuzione.
 
I costi dei trasporti, in particolare, sono in aumento, e i prezzi del petrolio e del carburante sono rimbalzati in alto in modo significativo nell'ultimo anno.
 
Ad agosto sono aumentati anche i costi fissi legati al covid-19, che così hanno pesato sui margini.
 
L'amministratore delegato Alan Jope ha affermato che le vendite online del gruppo sono aumentate del 50% su base annua nei primi sei mesi dell'anno e che questa modalità di commercializzazione rappresenta ora l'11% del totale.
 
Il gruppo sottolinea nel proprio comunicato che l'ambiente operativo nei suoi vari mercati “ha mostrato dei miglioramenti, ma resta cangiante. Le restrizioni alla vita quotidiana continuano in tutto il mondo, con un impatto sui canali di distribuzione, la ripartizione delle vendite e il comportamento dei consumatori".
 
Unilever nota che le restrizioni in India hanno pesato molto nel secondo trimestre, ma sono meno stringenti rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, mentre in Cina “la normalizzazione è continuata, ma la crescita è ancora inferiore rispetto al pre-Covid”.
 
I mercati in Nord America ed Europa hanno perso rispetto alla prima metà dello scorso anno, poiché le prime e rigorose misure di contenimento avevano aumentato la domanda di prodotti per l'igiene o di cibo.
 
Il gruppo osserva un aumento delle sue vendite in Sud America, ma rende note difficoltà nel sud-est asiatico, in particolare in Indonesia, dove “ampie zone del Paese sono in lockdown” a causa dell'impennata dei casi di coronavirus.
 
“Siamo convinti di poter generare una crescita delle vendite di base nel 2021 (...) entro i nostri obiettivi pluriennali dal 3 al 5%, nonostante gli effetti di confronto sfavorevoli nel secondo trimestre”, aggiunge Jope.
 
La volatilità dei costi è un altro fattore di incertezza, ma “la stiamo gestendo in modo dinamico e speriamo di mantenere un margine operativo stabile nel 2021”, conclude Jope.
 
Unilever, casa madre dei prodotti per la pulizia Cif o Omo, dei deodoranti Axe, dei gelati Magnum e dei tè Lipton, “ha sperimentato fortune diverse e alterne nei Paesi che hanno affrontato la pandemia in modo diverso”, osserva Richard Hunter, analista di Interactive Investor.
 
Hunter ha salutato con favore la decisione di separare i tè e alcuni prodotti di marchi di skincare in una branca societaria a parte, “che consentirà al gruppo di concentrarsi sui suoi segmenti chiave”.

Copyright © 2021 AFP. Tutti i diritti riservati.