×
1 313
Fashion Jobs
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
YVES ROCHER
Digital Performance Marketing Specialist (Origgio-va)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
ULTIMA ITALIA S.R.L
Production And Sourcing CO-Ordinator (Production Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Estero
Tempo Indeterminato · PECCIOLI
CONFIDENZIALE
Europe Buying Manager Woman Ready to Wear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Stock Controller - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
HERMES ITALIE S.P.A.
in Store Trainer - Boutique Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
STAFF INTERNATIONAL
Industrial Controller
Tempo Indeterminato · NOVENTA VICENTINA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Head of Merchandising
Tempo Indeterminato · ALBA
ISAIA E ISAIA
Information Technology Business Analyst
Tempo Indeterminato · CASALNUOVO DI NAPOLI
RANDSTAD ITALIA
Showroom Manager - Arredamento
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Showroom Manager- Arredamento
Tempo Indeterminato · BRESCIA
RANDSTAD ITALIA
Sales Manager Usa
Tempo Indeterminato · COMO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
17 nov 2022
Tempo di lettura
6 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Una notte al museo: Mugler e Buccellati hanno fatto proprie due iconiche istituzioni di New York

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
17 nov 2022

L’indirizzo dell'ingrediente segreto della festa è sempre una location da afterhour. Almeno nel caso di due eventi che si sono svolti a New York martedì sera. Uno ha portato gli ospiti al maestoso Brooklyn Museum of Art, la seconda galleria più grande di New York, situata in un edificio Beaux-Arts. L'altro, invece, ha invitato gli ospiti a dare una sbirciatina notturna al Whitney Museum, che è stato trasferito nel Meatpacking District dal 2014.

Un momento dello spettacolo d'apertura, dentro al Brooklyn Museum, della mostra "Thierry Mugler: Couturissime" - Courtesy


Il Brooklyn Museum ha ospitato la quinta tappa del tour mondiale della retrospettiva del lavoro del defunto designer francese Thierry Mugler, “Couturissime”, che presenta oltre 150 creazioni indossate da celebrità come Lady Gaga, Liza Minnelli, Celine Dion e Beyoncé.

La mostra include anche spezzoni di film e costumi indossati nel video Too Funky di George Michael e nella produzione del Macbeth realizzata dalla Comédie-Française nel 1985 al Festival d'Avignone in Francia. In un'intervista del 2019, Mugler ne aveva parlato con chi vi scrive per un precedente articolo su The Hollywood Reporter: “Ho messo in scena il mio primo Macbeth a nove anni con i miei amici, e non ho mai smesso! Essere un ballerino professionista mi ha aiutato ad essere consapevole del corpo, e da allora ho continuato a dirigere”.

Mugler parlò anche del suo amore per i costumi e i film. “Da bambino, scappavo da scuola per andare al cinema e passare l'intera giornata a guardare il grande schermo”, ha detto Mugler nel 2019. “So che questo mi ha dato un profondo senso estetico e scenico. Hollywood a quel tempo guardava alla perfezione, dalle attrici ai registi, dai costumisti agli scenari. Quando si trattava di mettere in scena le mie bellezze nei miei dèfilé e nei miei video, volevo realizzare i miei sogni. La vita è sicuramente un palcoscenico”.

Così, celebrando l'apertura a New York, sede di gran parte della vita notturna underground degli anni '80 e '90, la leggendaria conduttrice Susanne Bartsch ha orchestrato le esibizioni degli artisti presenti alla serata e delle varie personalità presenti.

Gli ospiti sono stati indirizzati al Beaux-Arts Court illuminato in blu per puntare l’attenzione su Amanda Lepore mentre impersonava Marilyn Monroe in una sensuale esibizione di burlesque, ma anche sull’altra esibizione di Joey Arias, un iconico artista drag queen di cabaret dal look strettamente allineato con Klaus Nomi e la sua proprietà. Bartsch presentava ballerini e artisti in serie, che richiamavano lo spirito dell'anima e della vita nei night club del designer francese.

Amanda Lepore all'apertura della mostra "Thierry Mugler: Couturissime" al Brooklyn Museum - BFA


Inoltre, un quartetto di ballerini con code di cavallo alte, vestiti con abiti sexy di Mugler Lycra-centrici, ha ballato sul palco con il DJ e successivamente la loro silhouette è stata proiettata in stile ombre cinesi dietro uno schermo a rete blu. Un ballerino di burlesque maschio, Làszlò Major, si è esibito in un'esibizione straordinaria e coraggiosa che ha incorporato danza, burlesque e un palo traballante. Major ha stupito per la sua abilità fisica e non ha lasciato nulla all'immaginazione. Il cat walking spontaneo in stile sala da ballo è esploso con un altro gruppo di festaioli e voguers, che, nella maggior parte dei casi, erano vestiti con abiti altamente creativi e su misura che colmavano il divario tra costume e moda.

Tra gli altri ospiti presenti c’erano Kylie Jenner, Marc Jacobs, Laverne Cox, Lourdes Leon, Julia Fox e il direttore creativo di Mugler, Casey Cadwallader, che hanno visitato la mostra e preso parte ai festeggiamenti. Apparizione speciale di Dianne Brill, che è tornata a New York dopo aver vissuto in Svizzera, con lo stilista e costumista di Los Angeles Michael Schmidt al seguito.
 
“Ho visto la mostra a Parigi quando era presente Manfred (Thierry Mugler ha cambiato nome nel 2002 in Manfred, ndr.). Lo spazio qui è eccezionale; è molto più grande, con soffitti più alti. I curatori Thierry-Maxime Loriot del Museo di Belle Arti di Montreal e Matthew Yokobosky del Brooklyn Museum hanno fatto un lavoro eccezionale”, ha detto Brill a FashionNetwork.com.

L'icona e musa della vita notturna ha ricordato la sua relazione con Mugler. “Ho fatto la modella in ogni suo show per nove anni, a meno che non fossi incinta. Riguardando i video, che sono così belli e insoliti, mi chiedevo 'cosa ti passava per la testa mentre camminavi?'”, ha ricordato.

Dentro la mostra "Thierry Mugler: Couturissime" a New York - Courtesy


“Mi ha dato un personaggio e una riga di testo, e poi ho indossato il vestito e l'ho fatto. È stata la sua direzione che mi ha permesso di esprimermi. Penso che sia per questo che i miei passaggi reggono. Ha apprezzato quello che ero; voleva quello da me, ma con gli steroidi”, ha aggiunto, consapevole di non suonare come arrogante.

“È puro fandom il mio. La cosa intrigante di Mugler era la sua capacità tecnologica di portare avanti l'arte della moda, cosa che nessun altro aveva fatto allora, perché usavano tecniche industriali. La bellezza stava acquisendo energie estremamente maschili, facendole diventare clamorosamente femminili, ed esaltandole con il mascolino per creare delle super-donne. Lui è il mio eroe”, ha detto Schmidt, che ha creato look per Lady Gaga, Cher, Beyoncé, Madonna, Dita Von Teese e molte altre.

Una delusione per Brill è stata la mancanza dell'abito realizzato per lei dal designer transalpino per una collezione-anniversario. “Ho dovuto salire in alto su una stella sospesa. Sarei potuta morire”, ha detto, ricordando che la piattaforma su cui doveva stare aveva all'incirca le dimensioni di un piatto. “Il vestito era così stretto che non riuscivo a piegarmi oltre le ginocchia, quindi per fare il cambio di costume avevano messo un ragazzone lì ad aspettarmi. Mi hanno allacciata nel vestito, e sono saltata tra le sue braccia, poi lui mi ha portato su per le scale e sollevato sulla piattaforma”, ha spiegato.
 
“Quel vestito non è in mostra, perché è indossato da Kylie Jenner stasera; è la prima persona dopo di me a indossarlo”, ha continuato con una risata, alludendo a quando la sorella di Jenner, Kim Kardashian, ha indossato al Met Gala il vestito di cristalli di Marylin Monroe, “Prima Marilyn, poi io”.
 
In centro, con la presenza di molti degli stessi ospiti dell’altra festa, l'azienda italiana Buccellati ha celebrato il lancio mondiale della sua ultima collezione di alta gioielleria, “Macri Color”.

“Questa è una delle collezioni più vendute, ed è realizzata in onore di mia zia Maria Cristina. Si è evoluta in modo più moderno e trendy, in particolare tramite l’utilizzo di pietre colorate come zaffiro blu, zaffiro rosa, kunzite, ametista e acquamarina”, ha detto Lucrezia Buccellati, condirettrice creativa e ambasciatrice del marchio negli Stati Uniti, aggiungendo: “La storia di questa collezione è fatta dai suoi pezzi più grandi e dalle sue edizioni limitate”.

La nuova collezione "Macri Color" - Buccellati


Suo padre, Andrea Buccellati, l’altro direttore creativo, era d'accordo: “È passato molto tempo dall'ultima volta in cui abbiamo organizzato un lancio negli Stati Uniti, uno dei nostri mercati più forti. Le pietre preziose colorate e le nostre inconfondibili lavorazioni in metallo inciso si adattano perfettamente al gusto del cliente americano, quindi abbiamo scelto New York come prima tappa del lancio globale”, ha detto l'anziano Buccellati, che ha aggiunto di essere lieto di vedere un aumento delle presenze su Madison Avenue, dove l'azienda ha un flagship store dalla scorsa primavera.

“Ora vedo molti nuovi progetti di negozi e tanto movimento sul viale, che sta riprendendo vita”, ha aggiunto, osservando che nel 2022 Buccellati ha aperto negozi monomarca nel South Coast Plaza e a Las Vegas, per un totale di 8 spazi negli States.

Ospiti come Tina Leung, Talita von Fürstenberg, Kelly Killoren Bensimon e Sophie Sumner si sono mescolati ai suoni della DJ-modella Wemi-Mo, ammirando i gioielli dalle coloratissime vetrine decorate con motivi floreali. Sullo sfondo un videoclip mostrava gli artigiani gioiellieri del marchio al lavoro e una veduta del fiume Hudson.

La spettacolare vista del fiume era nera, a parte la lunga "W" illuminata dal neon dell'hotel omonimo nel New Jersey. La folla, tuttavia, come suggeriva Andrea Buccellati, in alcuni casi non si è presentata con vestiti del basilare nero newyorkese, sfoggiando invece verdi adorabili, calde tonalità cannella e bianchi luminosi.

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.