×
1 465
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Loss Prevention Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PHILIPP PLEIN
Global CRM Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
BENEPIU' SRL
Produzione -Qualita'
Tempo Indeterminato · CARPI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Agile Delivery Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Italia e Svizzera - Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
BURBERRY
IT Project Manager
Tempo Indeterminato ·
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
22 nov 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Una “Made in Bangladesh Week” per cambiare l'immagine dell'industria tessile locale

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
22 nov 2022

Gli industriali del Bangladesh hanno tenuto una “Made in Bangladesh Week” dal 12 al 18 novembre a Dacca. Visto che il prossimo aprile 2023 segnerà il decimo anniversario della tragedia del Rana Plaza, il governo e i produttori locali hanno spinto per cambiare l'immagine del "Made in Bangladesh" invitando marchi, ONG e politici a una serie di eventi e visite.

La Prima Ministra del Bangladesh ha inaugurato la "Made in Bangladesh Week" a Dacca il 13 novembre 2022 - BGMEA


L'evento è stato aperto dalla Prima Ministra del Bangladesh, Sheikh Hasina. Va detto che, per il secondo fornitore mondiale di abbigliamento dopo la Cina, il settore tessile è un pilastro dell'economia nazionale. Il comparto rappresenta circa il 10% del prodotto interno lordo e impiega 4,4 milioni di persone attraverso più di 4.000 fabbriche.
 
Per il presidente dell'associazione dei produttori locali di abbigliamento BGMEA, Farukh Hassan, l'organizzazione di questa “Settimana del Made in Bangladesh” ha voluto in particolare evidenziare “le potenzialità del Bangladesh con un resoconto realistico delle ragioni per cui brand, buyer e investitori di tutto il mondo scelgono il Bangladesh come loro fonte privilegiata di approvvigionamento e destinazione preferita degli investimenti”.

Nel dettaglio, questa settimana di eventi è consistita nelle fiere Dhaka Apparel Expo e Bangladesh Denim Expo, seguite da un Dhaka Apparel Summit che ha riunito tutti gli attori del settore. Sono state inoltre organizzate una sfilata Fashion Innovation, premi dedicati al design sostenibile e innovativo, mostre rivolte al settore, oltre a visite agli stabilimenti di ultima generazione, e soprattutto una visita al nuovo BGMEA Innovation Center, dedicato agli assi di modernizzazione della filiera.

“Partiamo dalla constatazione che la prosperità a lungo termine del tessile bengalese dipenderà dalla competitività del nostro Paese, e in particolare da questioni di responsabilità”, indicava a fine ottobre a FashionNetwork.com il vicepresidente della BGMEA, Miran Ali. “Il nostro obiettivo è fornire ai marchi una base di approvvigionamento sostenibile che possano essere sicuri non danneggerà la loro reputazione. Abbiamo il maggior numero di fabbriche verdi al mondo, e questo numero è in crescita. Abbiamo 57 aziende classificate "platino" e 105 "oro" (secondo la classificazione della ONG americana US Green Building Council, ndr.)”.

Le esportazioni di abbigliamento del Bangladesh hanno raggiunto i 35,8 miliardi di dollari nel 2021 (33,05 miliardi di euro). Un aumento del 30% rispetto a un esercizio finanziario 2020 fortemente influenzato da lockdown e cancellazioni di ordini. Ma anche una crescita dell'8,2% rispetto al 2019, che segna il tanto atteso ritorno del settore ai livelli pre-crisi.

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.