×
1 386
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Retail Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Discord Community Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Web3 Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ELENA MIRO'
Head of Merchandising And Buying
Tempo Indeterminato · ALBA
UMANA SPA
Industrial Controller
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci HR Controlling Reporting & Finance Projects Lead
Tempo Indeterminato ·
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Industrializzatore/Industrializzatrice Pelletteria
Tempo Indeterminato · PADOVA
EDAS
Responsabile Amministrativo/a
Tempo Indeterminato · ROMA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Direttore - Department Store Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Media Insights Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
LOGO FIRENZE SRL
Product Manager Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
THUN SPA
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Affiliate E-Commerce Coordinator
Tempo Indeterminato · CHIASSO
VERSACE
Stock Controller - Napoli
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Responsabile Ricerca Tessuti
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
TBD EYEWEAR
Creative Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Accessori Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Loss Prevention Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
AZIENDA RETAIL
Marketing Director
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Quality Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
Pubblicità
Di
AFP-Relaxnews
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
3 dic 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Una cinquantina di colossi della moda implicati nella deforestazione in Amazzonia

Di
AFP-Relaxnews
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
3 dic 2021

Un rapporto dell'ONG Stand.earth rivela i legami di alcuni importanti marchi di moda con fornitori la cui attività contribuisce alla deforestazione dell'Amazzonia. La causa principale è la produzione di abbigliamento e accessori in pelle.

DR


LVMH, Prada, H&M, Zara, Adidas, Nike, New Balance, UGG... Cosa hanno in comune questi marchi? Il loro presunto coinvolgimento nella deforestazione in Amazzonia. Un certo numero di importanti marchi di moda starebbero infatti contribuendo alla deforestazione della foresta pluviale amazzonica, a causa dei loro legami con concerie e altre aziende coinvolte nella produzione di cuoio.
 
È quanto rivela uno studio condotto dall'ONG Stand.earth, secondo il quale più di 50 marchi di moda venduti in tutto il mondo hanno molteplici legami con JBS, il più grande esportatore brasiliano di pelle, noto per il suo coinvolgimento nella deforestazione dell'Amazzonia.

Sebbene lo studio non dimostri un legame diretto tra ciascun marchio e la perdita di foreste in Amazzonia, i ricercatori hanno comunque trovato parecchie connessioni nelle catene di approvvigionamento globali dell'industria della moda. Per soddisfare la domanda dei consumatori di portafogli, borsette e scarpe in pelle, l'industria della moda dovrà macellare 430 milioni di mucche all'anno entro il 2025, secondo un articolo del quotidiano inglese The Guardian.

Foreste in fiamme in Amazzonia nel 2019 - AFP


Si ritiene che gran parte della pelle che le persone indossano ai piedi, o che trasportano nei portafogli o nelle borsette provenga effettivamente da mucche allevate nella foresta pluviale amazzonica. Tuttavia, l'allevamento del bestiame è considerato una delle principali cause di deforestazione in Amazzonia, a causa degli alberi abbattuti per trasformarli in aree di pascolo (53 milioni di ettari distrutti nel bacino amazzonico nel 2017 contro i 14 milioni nel 1985, secondo la piattaforma Mapbiomas).
 
Tra incendi e attività agricole intensive, la più grande foresta pluviale del mondo ha registrato negli ultimi anni un preoccupante (ed inquietante) declino. Secondo uno studio pubblicato lo scorso aprile su Nature Climate Change, tra il 2010 e il 2019 l'Amazzonia brasiliana ha emesso circa il 18% in più di carbonio rispetto a quello assorbito, con 4,45 miliardi di tonnellate rilasciate, contro 3,78 miliardi di tonnellate immagazzinate. La graduale scomparsa della foresta pluviale amazzonica è uno dei “punti di rottura” individuati dagli esperti, che potrebbe condurre a un cambiamento “drammatico e irrimediabile” del sistema climatico.

Copyright © 2022 AFP-Relaxnews. All rights reserved.