×
1 654
Fashion Jobs
MANPOWER PROFESSIONAL
Expansion Manager Franchising
Tempo Indeterminato · CESENA
VIVIENNE WESTWOOD SRL
Purchasing And Procurement Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
JIL SANDER SPA
IT Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Product Manager Maglieria
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Milano
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
ANONIMA
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
District Manager
Tempo Indeterminato · VERONA
LOGO FIRENZE SRL
Product Manager Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
NARA CAMICIE
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Account Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Di
AFP
Pubblicato il
3 ott 2010
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Un italiano al n° 1 fra i dirigenti più pagati in Francia nel 2009

Di
AFP
Pubblicato il
3 ott 2010

PARIGI, 1 ott 2010 - Un italiano, Antonio Belloni, vicedirettore generale di LVMH, occupa il primo posto della classifica dei 10 dirigenti d'azienda più pagati in Francia, secondo il sito internet www.remunerationsdesdirigeants.com.


LVMH: Antonio Belloni (a sin.) Bernard Arnault e Jean-Jacques Guiony, alla presentazione dei risultati del gruppo nel 2008, il 5 febbraio 2009 a Parigi - Foto: AFP

Belloni, 55 anni, ha percepito una remunerazione totale nel 2009 di 5,428 milioni di euro come numero 2 di LVMH.

Estremamente riservato, Belloni è arrivato in LVMH 8 anni fa, dopo aver trascorso 22 anni da Procter & Gamble, ed è considerato come colui il quale è riuscito a risanare le profumerie Sephora e il Bon Marché, il grande magazzino del lusso parigino.

Uno spagnolo, Antonio Truan, occupa la 2a posizione della classifica, con emolumenti percepiti per 4,257 milioni di euro. Truan era il titolare della società fondiaria Gecina, una protagonista del settore immobiliare di Francia. Avendo lasciato la società nel 2009, questa remunerazione tiene conto delle indennità di liquidazione.

Al 3° posto figura Bernard Arnault, patron di LVMH, con un compenso di 4,023 milioni di euro.
Gli altri capi che figurano in questa lista sono Maurice Levy, PDG di Publicis (3,6 milioni di euro), tallonato da Kevin Roberts, membro del consiglio di Publicis (3,58 milioni di euro).

Jean-Paul Agon, direttore generale de L'Oréal, occupa il 7° posto (3,525 milioni di euro).
Infine, Gérard Mestrallet, PDG di GDF-Suez, chiude la classifica con compensi totali per 3,233 milioni di euro.

Il vincitore di questa classifica in tutte le categorie nel 2008, l'americano Doug Morris, membro della direzione di Vivendi, è sparito dalla classifica nel 2009.
Nel 2008, Doug Morris occupava questo primo posto con uno stipendio totale di 11,258 milioni di euro, vale a dire quasi 1 milione di euro al mese. Alla fine del 2008 Mr. Morris, a 70 anni di età, ha lasciato il CdA di Vivendi, e di conseguenza non figura più nella lista dei dirigenti d'azienda la cui remunerazione è resa pubblica.

Doug Morris era PDG della società UMG (Universal Music Group), una succursale americana di Vivendi, numero 1 mondiale nella musica. Nel 2011, abbandonerà le sue funzioni di direttore generale di UMG, ma rimarrà presidente della società.

A titolo indicativo, il CEO attuale di Vivendi, Jean-Bernard Lévy, è arrivato a percepire nel 2009 uno stipendio di 2,5 milioni di euro.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; Fonte: AFP

Copyright © 2021 AFP. Tutti i diritti riservati.

Tags :
Altro
media