×
1 691
Fashion Jobs
RETAIL SEARCH SRL
Head of Supply Chain - Demand Planning Emea
Tempo Indeterminato · FIRENZE
JIMMY CHOO
Stock Controller Incluse Categorie Protette l. 68/99
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
LUCA FALONI SRL
Full Time - Responsabile Magazzino e Coordinatore Ordini Online
Tempo Indeterminato · BERGAMO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Marketing And Communication Manager - English And French
Tempo Indeterminato ·
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Analista di Processi Finance & Controlling
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Senior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale Illuminazione - Design
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Head of Operations
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Addetto/a Lavorazioni Intermedie
Tempo Indeterminato ·
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Coordinatore di Magazzino - Department Store
Tempo Indeterminato · PALERMO
PARIS TEXAS
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MONZA
VICE VERSA SRL
Wholesale Area Manager For Local And Int. Markets
Tempo Indeterminato · MILANO
MANPOWER SRL
Business Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Credit Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO S.P.A
Digital Acqusition Media Specialist Appartenente Alle Categorie Protette Legge 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Wholesale Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Media Strategist, Native Content & Affiliates
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Responsabile Sviluppo Franchising - Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Talent Acquisition Partner
Tempo Indeterminato ·
Pubblicità
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
10 apr 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Uiguri: Inditex, Uniqlo, SMCP e Skechers accusati di occultamento di lavoro forzato e crimini contro l'umanità

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
10 apr 2021

L'ONG Sherpa, il collettivo Ethique sur l'Etiquette, l’Istituto Uiguro d’Europa, e una donna uigura rappresentata dallo studio Bourdon & Associés annunciano di aver presentato una denuncia in Francia contro “varie multinazionali dell’abbigliamento”, vale a dire Inditex, Uniqlo, SMCP e Skechers, per occultamento di lavoro forzato e di crimini contro l'umanità. Presentata al tribunale di Parigi, la denuncia intende colpire “l'impunità di questi attori di fronte alle violazioni commesse nel contesto della globalizzazione economica”.

Operaie uigure in una fabbrica di Hoton (Xinjiang) nel 2019 - Shutterstock


Il comunicato dei denuncianti indica che le informazioni pubbliche disponibili ad oggi dimostrano che Inditex, Uniqlo, SMCP e Skechers continuerebbero a subappaltare parte della loro produzione nella regione dello Xinjiang.
 
Secondo diverse ONG, quest'area, che concentra il 20% della produzione mondiale di cotone, impiega correntemente il lavoro forzato degli uiguri. La controversia ha avuto un’accelerazione nel 2020 con la pubblicazione di un rapporto dell'ASPI (Australian Institute for Political Strategy), poi di un altro del Center for Global Policy.

Manifestazione nel 2015 a Strasburgo - Shutterstock


Pechino risponde da parte sua che il ricorso a questa minoranza musulmana mira a facilitare la lotta alla povertà, nonché l'integrazione di una popolazione comunemente associata nella versione ufficiale agli attacchi terroristici perpetrati localmente tra il 2008 e il 2015.

“Questa denuncia è la prima di una serie che sarà presentata nei prossimi mesi in altri Paesi europei ed è supportata dall’ECCHR – European Center for Constitutional and Human Rights, e dal World Uyghur Congress”, indicano i denuncianti, che rivendicano anche il sostegno di diversi eurodeputati, tra cui Raphaël Glucksman, che è uno dei politici europei sanzionati da Pechino in risposta alle misure adottate dall'UE in questa vicenda.

Pechino è passato al contrattacco sui social contro le accuse sugli uiguri, accusando gli USA di "distruggere l'economia locale" dello Xinjiang. Qui un cartone animato con due uiguri felici delle libertà e opportunità consentite dal sostegno dello stato - Ambassade de Chine en France


“La denuncia fa parte del processo di difesa condotto da molto tempo da parte delle nostre organizzazioni per combattere l'impunità delle società transnazionali e dare accesso alle vittime alla giustizia e ai risarcimenti”, fanno sapere ancora i querelanti.
 
La causa parte in un contesto caratterizzato da crescenti tansioni fra Cina e Occidente sulla questione degli Uiguri. Diversi marchi che si sono espressi sulla polemica hanno visto i loro prodotti scomparire dai marketplace cinesi, a seguito anche di appelli al boicottaggio dei loro prodotti sui social network locali, ponendo i marchi di abbigliamento di fronte a una scelta complessa, ovvero saper tradurre in fatti il concetto del rispetto dei valori umani sul quale comunicano regolarmente o privarsi nel bel mezzo di una crisi sanitaria globale di uno dei più grandi mercati del mondo per l’abbigliamento.

Come Fashion Network rilevava all'inizio di marzo, le ambasciate cinesi sono sfruttati al massimo dalla reazione di contrattacco cinese attraverso varie strategie di comunicazione. In Francia, ad esempio, anche attraverso “insulti” e “minacce” contro ricercatori e funzionari eletti, che sono valse all'ambasciatore cinese a Parigi la convocazione del Ministro degli Affari Esteri francese, Jean-Yves Le Drian.

L'ambasciata cinese nel Regno Unito ha condiviso i video "True Stories about Xinjiang" con protagonista un'influencer che loda la bellezza della controversa provincia uigura - China.org


Per le ONG che sono alla base della denuncia presentata a Parigi, la questione degli Uiguri sottolinea l'importanza della futura direttiva europea sul dovere di vigilanza, “che sarà elaborata nei prossimi mesi e dovrà rispondere a questi temi cruciali”. Il 10 marzo scorso, i parlamentari europei hanno votato per un progetto di iniziativa basato proprio sul dovere di vigilanza, ponendo le basi per un maggiore controllo delle società e delle loro controllate.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.