USA e Francia si accordano sulla web tax

Sulla web tax, votata nelle settimane scorse dal Parlamento francese e contestata dagli Stati Uniti perché unilaterale, "abbiamo trovato un accordo molto buono". Lo ha assicurato il presidente francese Emmanuel Macron, secondo cui si tratta di "un accordo che è buono per l'una e per l'altra parte".


I Paesi del G7, ha ricordato Macron, hanno convenuto "di trovare un accordo nel 2020 nel quadro dell'OCSE" riguardo ad una tassa internazionale sui giganti del web ed il giorno in cui entrerà in vigore, ha assicurato, la Francia "eliminerà" la sua tassa.

"La strategia francese sulla tassazione dei colossi del digitale è stata efficace. Abbiamo fatto muovere le cose. Sostituiremo la tassa nazionale con una tassa internazionale appena sarà stata adottata all'OCSE", ha commentato ai microfoni della tv francese, Lci, il ministro dell'Economia transalpino, Bruno Le Maire.

"Dobbiamo trovare il più rapidamente una tassazione sui giganti del digitale per evitare una moltiplicazione di tasse nazionali che non aiuta nessuno", sottolinea Le Maire evidenziando i passi avanti fatti durante il G7 di Biarritz.

Copyright © 2019 AdnKronos. All rights reserved.

Industry
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER