×
1 586
Fashion Jobs
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Manager - Lombardia e Sicilia
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
CRM Specialist
Tempo Indeterminato · RIMINI
DELL'OGLIO
Senior Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Compliance And Testing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
ww Distribution Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Project Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
EDAS
Responsabile Amministrativo/a
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Digital Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
MANPOWER PROFESSIONAL
Expansion Manager Franchising
Tempo Indeterminato · CESENA
VIVIENNE WESTWOOD SRL
Purchasing And Procurement Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Ufficio Commerciale
Tempo Indeterminato · SALERNO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
JIL SANDER SPA
IT Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Product Manager Maglieria
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Milano
Tempo Indeterminato ·
Pubblicità
Di
Ansa
Pubblicato il
10 apr 2019
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Trump minaccia la UE, pronti dazi su beni per 11 miliardi di dollari

Di
Ansa
Pubblicato il
10 apr 2019

Se la pax commerciale tra Washington e Pechino sembra oramai a portata di mano, la guerra dei dazi rischia ora di scoppiare tra Stati Uniti ed Unione europea. E ad andarci di mezzo c'e' inevitabilmente anche l'Italia, visto che nella lista dei prodotti che Donald Trump è pronto a colpire ci sono anche vini e formaggi come il prosecco e il pecorino.

Donald Trump - ANSA


L'elenco già inviato a Bruxelles comprende ben 11 miliardi di dollari di beni Made in Europe e la mossa - come ha spiegato il rappresentante al commercio Usa Robert Lighthizer - altro non è che una risposta agli aiuti della UE ad Airbus, la rivale di Boeing. Fondi che sono stati destinati al finanziamento di diversi modelli di aereo e che la WTO ha dichiarato illegali nel maggio scorso.

Gli Stati Uniti hanno chiesto quindi di poter imporre delle sanzioni per il danno subito e la decisione dell'organizzazione mondiale per il commercio è attesa per l'estate. Di qui l'annuncio dell'amministrazione Trump, che si è detta pronta alla rappresaglia: "La UE ha approfittato degli USA sul commercio per molti anni. Questo finirà presto!", ha affermato Trump su Twitter, definendo intollerabili i sussidi ad Airbus a danno di Boeing.

Una battaglia, quella tra i due giganti dei cieli, che dura oramai da tantissimi anni, dal 2004, e che riprende vigore nel periodo peggiore del colosso americano, travolto dai due recenti incidenti aerei e dalla messa in discussione dei software dei suoi modelli più moderni.

La lista preliminare dei beni che Washington si appresta a colpire è lunghissima. Oltre al pecorino ci sono altri formaggi come l'Emmental, il cheddar, ma anche lo yogurt, il burro, il pesce. E poi i vini frizzanti e non, gli agrumi, l'olio d'oliva, la marmellata. Ma i dazi potrebbero scattare su elicotteri, aerei e loro componenti (fusoliere, carrelli d'atterraggio) provenienti da Francia, Germania, Spagna e Regno Unito. Ancora, l'elenco comprende prodotti dell'industria tessile, abbigliamento, plastica, carta, tubi, chiodi, orologi.

Da Bruxelles la risposta non si è fatta attendere, e la minaccia è quella di contromisure adeguate per 'punire' gli USA per gli aiuti che a sua volta ha erogato a Boeing. Fonti UE definiscono quindi "esagerato" il volume dei dazi che Washington vuole imporre sui prodotti europei e auspicano che si possa affrontare la questione con il dialogo. Ma - si avverte - senza precondizioni. Lo spettro vero nel braccio di ferro tra le due sponde dell'Atlantico resta però quello dei dazi che Trump ha più volte minacciato sulle auto europee. È qui che si gioca la vera partita tra Washington e Bruxelles, con l'accordo di qualche mese fa tra Donald Trump e Jean Claude Juncker che sembra sempre più traballare.

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.