×
1 568
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Trump inaugura la fabbrica di Louis Vuitton in Texas

Di
Ansa
Pubblicato il
today 20 ott 2019
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Sfidando rischi di boicottaggio e le sue sofisticate clienti, Louis Vuitton scommette sull'America di Donald Trump. Il capo della Casa Bianca in persona è intervenuto al taglio del nastro della nuovo fabbrica Vuitton nella Johnson County in Texas, un area rurale sulla linea del fronte della crisi dell'immigrazione e che alle ultime presidenziali ha votato per lui al 77%.

@lvmh


"Vuitton, conosco bene quel nome. Mi e costato molto nel corso degli anni", ha detto 'The Donald' alludendo alle sue tre mogli-trofeo (Ivana, Marla e Melania) e alla sfilza di starlet, modelle e anche pornostar con cui negli anni si è fatto vedere in giro. Accanto a Trump c'era l'entourage LVMH a partire dal "numero uno" Bernard Arnault, definito dal presidente un "artista" e un "visionario".

La fabbrica in Texas ha creato finora 150 posti di lavoro per americani, che dovrebbero salire a mille nell'arco di cinque anni. Per Vuitton è il terzo negli USA ma è il primo allineato con l'iniziativa dell'amministrazione "Pledge to America Workers" tesa a mostrare quanto il governo federale faccia per dare lavoro all'americano medio.

Per LVMH, il primo grande gruppo di moda che si allinea con la presidenza Trump, la mossa presenta rischi e prospettive, entrambi legati all'esito delle presidenziali del 2020. Fanno parte della scuderia LVMH una sessantina di sussidiarie che a loro volta gestiscono numerosi altri brand: dall'alta gamma di Dior, Givenchy, Fendi, Bulgari, Marc Jacobs a catene come Sephora all'ultima "nata" Fenty della cantante Rihanna, spesso critica del presidente.

Il sodalizio Vuitton-Trump porterà al boicottaggio di testimonial e consumatori? C'e' poi il pericolo che le borse 'LV' assemblate in Texas e con l'etichetta 'Made in the USA' facciano arricciare il naso alle clienti americane, abituate ad apprezzare e pagare l'opera delle "petit mains" degli atelier parigini. Arnault, la cui amicizia con Trump è di vecchia data e che nel 2017 fu uno dei primi a incontrarlo alla Trump Tower prima dell'insediamento, ha accettato la sfida: "Siamo onorati di aver con noi qui il presidente degli Stati Uniti. Sono un uomo d'affari, non un politico. Gli dico cosa penso serva all'economia in America ed è quel che stiamo facendo nella Johnson County"

Copyright © 2019 ANSA. All rights reserved.