×
1 602
Fashion Jobs
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Milano
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
ANONIMA
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
District Manager
Tempo Indeterminato · VERONA
LOGO FIRENZE SRL
Product Manager Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
NARA CAMICIE
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Account Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Retail Area Manager Piemonte/Liguria/Lombardia
Tempo Indeterminato · TORINO
ANONIMA
ww Wholesale Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Digital Client Development Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
ORIENTA SPA
General Manager - Bolzano
Tempo Indeterminato · BOLZANO
ANTONIOLI S.R.L.
SEO & SEM Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Sustainability Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Di
Ansa
Pubblicato il
27 nov 2018
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Trump alza i toni sulla Cina

Di
Ansa
Pubblicato il
27 nov 2018

Trump alza i toni contro la Cina. A pochi giorni dal G20, e dall'atteso faccia faccia con il presidente Xi Jinping, il tycoon avverte: se non ci sarà accordo, gli Stati Uniti imporranno dazi su tutto il Made in China. Nel mirino potrebbe finire anche l'iPhone.

Reuters


Il presidente americano non esclude infatti dazi sullo smartphone prodotto in Cina e suggerisce ad Apple e alle altre società americane di produrre negli Stati Uniti. Immediata la reazione di Cupertino, che nelle contrattazioni after hours a Wall Street arriva a perdere l'1,7%.

''Forse, forse'' dice in un'intervista al Wall Street Journal riferendosi alla possibilità di dazi sull'iPhone. ''Dipende dall'ammontare'' delle tariffe: ''se saranno al 10%, i consumatori potrebbero sopportarle tranquillamente'', ha spiegato Trump.

Le parole del presidente sono una doccia fredda per Apple e per Corporate America, e seguono le critiche mosse da Trump a General Motors. ''Dovrebbe smetterla di produrre auto in Cina: dovrebbe produrle invece negli Stati Uniti'', ha spiegato il tycoon commentando la riorganizzazione della casa automobilistica. I toni duri di Trump mostrano anche come le trattative con Xi per un accordo commerciale sono tutte in salita.

Minacciando di colpire tutto il Made in China con dazi in caso di mancanza di un'intesa, Trump mette in evidenza come sia probabile che gli Stati Uniti andranno intanto avanti con l'aumento dei dazi al 25% su 200 miliardi di prodotti Made in China. È ''molto improbabile'' che Trump possa accettare la richiesta di Pechino di non procedere con il rincaro. Un accordo ci sarà - taglia corto Trump - ''solo se la Cina aprirà il Paese alla concorrenza americana''.

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.

Tags :
Industry