×
1 367
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Consumer Campaign Manager
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Planning Analytics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Product Marketing Manager- Azienda Accessori Luxury- Sesto San Giovanni
Tempo Indeterminato · SESTO SAN GIOVANNI
ERMANNO SCERVINO
Rspp & Facility Manager
Tempo Indeterminato · BAGNO A RIPOLI
CONFIDENZIALE
Customer Care Team Leader (m/f)
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Area Manager Trentino Alto Adige
Tempo Indeterminato · BOLZANO
SLAM JAM SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
SLOWEAR SPA
Area Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
CRM Manager - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Area Manager Sardegna
Tempo Indeterminato · OLBIA
CONFIDENTIAL
District Manager Sardegna
Tempo Indeterminato · OLBIA
CONFIDENTIAL
Responsabile Laboratorio Collaudo e Certificazione Qualità
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Key Account Manager - Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIOLI S.R.L.
E-Commerce Operations Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
TOMMY HILFIGER
Assistant Manager
Tempo Indeterminato · PONTECAGNANO FAIANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Footwear Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · PADOVA
MIROGLIO FASHION SRL
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of E-Commerce Luxury Company- International Country
Tempo Indeterminato · MILANO
BENEPIU' SRL
Responsabile Produzione
Tempo Indeterminato · CARPI
CONFIDENZIALE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
3 giu 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Tregua su Web Tax, gli USA sospendono i dazi anche per l'Italia

Di
Ansa
Pubblicato il
3 giu 2021

È tregua sulla web tax. L'amministrazione Biden pur avendo deciso di imporre tariffe a sei Paesi, tra cui l'Italia, in risposta alle loro tasse "discriminatorie" sulle societa' tecnologiche americane, allo stesso tempo le ha sospese per sei mesi, aprendo a una soluzione internazionale in ambito Osce e G20. Gli altri Paesi interessati sono Gran Bretagna, Spagna, Austria, India e Turchia. I dazi al 25% avrebbero colpito un import complessivo di quasi 2 miliardi di dollari, di cui 800 milioni dal Regno Unito e 300 milioni a testa da Italia e Spagna.

Gli Usa sospendono i dazi a sei Paesi, inclusa l'Italia, per la Web Tax


La Commissione europea ha "preso atto" della prima decisione, quella di introdurre i dazi, e ha "accolto con favore" la seconda, ossia la sospensione. "I negoziati multilaterali" sul tema "in corso presso l'Ocse" sono "il luogo giusto per trovare una soluzione globale all'equa tassazione del settore digitale", ha commentato un portavoce dell'esecutivo Ue, auspicando che la tregua "apra lo spazio necessario per risolvere questo problema in modo costruttivo piuttosto che attraverso misure unilaterali". Non è mancata però una punta polemica: "vorremmo sottolineare che qualsiasi indagine di un Paese terzo deve rispettare il diritto internazionale" e "l'unico modo per giudicare una presunta discriminazione tra partner commerciali è attraverso la risoluzione delle controversie del Wto".

Donald Trump aveva lanciato un'inchiesta nel giugno 2020 sulle tasse ai giganti del web imposte da vari Paesi nel mondo ma anche lui aveva sospeso i dazi, che sarebbero dovuti scattare dal 6 gennaio scorso. L'amministrazione Biden è pervenuta alla stessa conclusione, confermando la discriminatorietà delle tasse a giganti come Google e Facebook, ma congelando le misure punitive "per dare tempo ai negoziati multilaterali di progredire".

Un crescente numero di Paesi, molti dei quali in Europa, ha introdotto la digital tax per la frustrante lentezza con cui procedevano le trattative su una tassa globale valida ovunque, impegnandosi però a revocarla in caso di accordo. A spianare la strada per una soluzione è stata proprio l'amministrazione americana, con la segretario al tesoro Janet Yellen e il presidente Joe Biden che hanno proposto una global minimum tax del 15% sui profitti di Big Tech. Meno di quanto si aspettassero gli specialisti, ma col pregio di incassare un ampio consenso. Tanto che ci si aspetta che i ministri delle finanze del G7 sostengano ufficialmente la proposta nella loro riunione di venerdì a Londra. Una mossa che potrebbe preludere ad un endorsement dei leader G7 nel summit di metà giugno in Gran Bretagna e poi a a fine ottobre a Roma al vertice G20 a guida italiana.

Un accordo metterebbe fine a divisioni e polemiche sull'elusione fiscale dei giganti tech americani, noti come 'The Silicon six', che finora hanno spostato i profitti nei paradisi fiscali: secondo un rapporto dell'organizzazione Fair Tax Foundation, Amazon, Facebook, Apple, Netflix, Google e Microsoft hanno pagato globalmente almeno 100 miliardi di dollari di tasse in meno tra il 2011 e il 2020.

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.

Tags :
Altri
Industry