×
1 504
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Trabaldo Togna: solido 1° semestre, nuove assunzioni e più spinta su Sant’Andrea

Pubblicato il
today 15 lug 2019
Tempo di lettura
access_time 3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

“La nostra filosofia si chiama Estrato, che significa tessuti elasticizzati in fibra naturale al 100%, e rappresenta l’identità granitica dell’azienda”, spiega a FashionNetwork.com l’Amministratore Delegato del brand, Luca Trabaldo Togna. “Nei primi sei mesi dell’esercizio 2019, il fatturato di Trabaldo Togna è salito in double digit. Nei secondi sei, l’azienda al momento è in crescita a una cifra percentuale”, aggiunge. Il 2018 si era chiuso a 25 milioni di euro di giro d’affari (+25% sul 2017), con Germania, Giappone e USA come primi mercati, seguiti dall’Italia. All’inizio del 2020 si potrà ricavare un primo bilancio del progetto di espansione in Cina avviato quest’anno, assicura l’AD.

Luca Trabaldo Togna


Per l’invernale 2020/21, l’azienda biellese ha sviluppato tessuti in puro cashmere elasticizzati fino al 25-30% per uso giacca, cappotto e outerwear sportivo, concentrandosi molto sulla fascia lusso. “Ritengo che una fibra come il puro cashmere, ovviamente 100% naturale, riciclabile e priva di fibre chimiche, presentata con un livello d’elasticità che raggiunge fino al 40% in trama e rifinita ‘alla biellese’ (quindi con un finissaggio molto ricco) rappresenti una casella vuota sul mercato”, precisa Luca Trabaldo Togna, sesta generazione dell’azienda fondatanel 1840 a Trivero e spostatasi a Pray nel 1870.
 
“Del rapporto quasi esclusivo con i nostri clienti ne facciamo una bandiera”, prosegue Trabaldo Togna. “Siamo ancora un’azienda d’artigianato, ma stiamo cercando di trasformarci in società di lusso. Siccome però quella dei tessuti viene considerata un’attività di old economy, con idee e inventiva stiamo cercando di trasformarla in un laboratorio di ricerca tecnologica sulle performance dei tessuti in 100% fibra naturale (cashmere, cashmere/seta, cashmere/vicuña, pura vicuña, pure lane 180’s e 150’s, lane/sete, lane/cashmere), tutto rigorosamente elastico.

“Per me utilizzare nel formale - che onestamente è un po’ in difficoltà - tessuti ad alta performance finora visti solo nello sportswear può rappresentare un fattore di grande successo”, aggiunge.

Il sommario del nuovo House Organ di Trabaldo Togna


L’azienda piemontese sta predisponendo novità nel controllo di gestione e nel marketing. Intanto ha aumentato la forza lavoro arrivando a 130 dipendenti, concretizzando una decina di assunzioni in un anno, 5 rispetto a sei mesi fa. Inoltre ha intenzione di riportare in-house alcune funzioni concesse in outsourcing. “Per esempio il rammendo, che è una di quelle fasi che incidono sul livello qualitativo del prodotto, è fondamentale averlo in controllo diretto”, puntualizza il dirigente piemontese.
 
“Da due anni stiamo navigando in acque molto più sicure, perché quando è stata riacquistata dal ramo della mia famiglia ad inizio 2011, Trabaldo Togna era davvero messa molto male”, racconta. “Nei primi 6 anni abbiamo realizzato un turnaround completo, e oggi abbiamo una struttura che ci permette di ragionare anche sull’andamento futuro della società”.
 
Prosegue la collaborazione del brand col gruppo francese Chargeurs: parte della produzione di Estrato viene effettuata con lane merino premium della linea “Organica” dell’azienda transalpina, che offre tracciabilità e sostenibilità delle lane. Nato a febbraio 2018, il progetto ha riguardato le lane 180’s e nel corso del 2019 l’azienda sta trasformando in “Organica” anche la fascia del 150’s, mentre per progetti ad hoc ha disponibili anche alcune quantità di lane 120’s “Organica”.

Trabaldo Togna, AI 2020/21


Novità distributive riguardano Sant’Andrea Milano, marchio sartoriale di abbigliamento total look per l’uomo realizzato in abbinamento coi tessuti Estrato, che ha debuttato sul mercato nel 2018. Sant’Andrea è il brand della St. Andrews, azienda di Fano con circa 180 dipendenti, che la holding di famiglia di Trabaldo Togna ha acquistato nel 2006.
 
“In Sant’Andrea coesiste il binomio capacità sartoriale manuale e tessuti elastici (principalmente cashmere 180’s)”, dice l’AD. Il marchio è distribuito in 30 negozi multimarca top al mondo, soprattutto concentrati negli Stati Uniti, cui segue la Germania. Per Sant’Andrea, Trabaldo Togna punta soprattutto sul blazer in puro cashmere elasticizzato, nell’intento di arrivare a 50 negozi top in 2 anni. “Non sono numeri elevati, perché più di 50 capi al giorno Sant’Andrea non è mai riuscito ad esprimerli, in quanto ogni passaggio è fatto a mano, e perché deve rimanere sinonimo di qualità assoluta”, conclude Luca Trabaldo Togna.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.