×
1 347
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Retail Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
G COMMERCE EUROPE S.P.A.
Emea Emarketing & Analytics Specialist
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
HR Training & Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
HERMES ITALIE S.P.A.
Stock Operations Manager - Boutique Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
IT Manager
Tempo Indeterminato · PADOVA
FOURCORNERS
Earned & Owned Media Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CLAUDIE PIERLOT ITALIE
Area Manager Italy - Permanent Contract H/F
Tempo Indeterminato · MILAN
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Toscana Settore Fashion
Tempo Indeterminato · FIRENZE
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Fashion Puglia
Tempo Indeterminato · BARI
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
Rsponsabile Modelleria e Industrializzazione Tomaie Sneakers e Mocassino
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
LABOR S.P.A
Business Developer - Luxury/Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VALENTINO
IT CRM Specialist
Tempo Indeterminato · VALDAGNO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
j&w, Licenses And Décor Digital Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Centro- Nord Est
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHAEL PAGE ITALIA
Buyer Retail - Accessori - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Area Manager Centro Italia - Base Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
PRONOVIAS GROUP
Accounting Manager
Tempo Indeterminato · CUNEO
VICTORIA’S SECRET
Area Manager Victoria's Secret
Tempo Indeterminato · BERGAMO
TESSILFORM SPA -PATRIZIA PEPE
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Category Buyer
Tempo Indeterminato · BREGANZE
OTB SPA
Sap Successfactors Hcm Solutions Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
Pubblicità

Tossicità nell'abbigliamento: Greenpeace nota dei progressi, ma...

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
today 13 lug 2018
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Sette anni dopo aver lanciato la campagna Detox per denunciare l’impiego di prodotti tossici da parte dell’industria della moda, Greenpeace ha ricevuto l'impegno di 80 società, 29 delle quali marchi, che rappresentano il 15% della produzione mondiale d’abbigliamento. Sebbene l’ONG apprezzi il lavoro svolto da Adidas, Nike, H&M, Inditex, Mango e altri, chiede anche una mobilitazione più massiccia su questi temi.

La campagna Detox è stata lanciata 7 anni fa


Al di là della creazione di una lista nera in materia di prodotti ammessi nei loro processi produttivi, i marchi firmatari della carta istituita da Greenpeace hanno soprattutto dovuto confrontarsi con la realtà dei loro subfornitori, al cui livello gli impegni sociali e ambientali presi dagli imprenditori vanno spesso a perdersi.

“Dovendo confrontarsi alla realtà delle pratiche insufficienti messe in campo nella gestione delle sostanze chimiche sul terreno, i marchi hanno dovuto rafforzare le capacità umane e materiali necessarie, spesso partendo da zero, istituire procedure di formazione e fornire assistenza tecnica”, indica Greenpeace. “Oggi, (i marchi) più trasparenti comunicano l’identità di questi fornitori fino a tre livelli di outsourcing e alcuni si sono già impegnati ad includere in un prossimo futuro le tappe della produzione delle fibre tessili, all'inizio della catena di approvvigionamento”.

80 società e 29 marchi si sono impegnati nel programma Detox


In questo rapporto sui progressi, Greenpeace sottolinea inoltre che le introspezioni intraprese da una parte della filiera hanno reso possibile evidenziare il carattere non necessario di alcuni utilizzi di prodotti chimici, soprattutto dopo che varie alternative sono venute alla luce. Alternative ancora frenate da costi aggiuntivi e disponibilità. Il che non impedisce che il 72% dei firmatari dichiari di aver eliminato i perfluorati (PFC) dalla loro produzione.

80 società e 29 marchi si sono impegnati nel programma Detox


“In un’epoca in cui l’economia circolare s’impone come il nuovo mantra del settore, almeno sulla carta, le società firmatarie di Detox sono d’accordo con noi: la circolarità è possibile solo attraverso l’eliminazione preliminare delle sostanze nocive sin dalla fase iniziale della progettazione”, conclude Greenpeace.

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.