Topshop assume il suo nuovo CEO da Burberry

Il direttore del merchandising di Burberry, Paul Price, è stato assunto dal miliardario britannico Philip Green per dirigere i marchi Topshop e Topman, e guidare il loro sviluppo all’estero.

Burberry

Una scelta decisa quella fatta dal gruppo Arcadia, casa madre delle due insegne, che del resto in rapida successione ha già detto arrivederci a Mary Homer, Managing Director di Topshop e a Fiona Ross, direttrice dell’etichetta di abbigliamento prêt-à-porter per donne formose Evans, all’inizio della primavera. Paul Price approda in Topshop e Topman forte dell’eseprienza maturata all’interno di Burberry, marchio in cui era approdato nell’ottobre del 2007. In precedenza, Price aveva ricoperto diversi incarichi di vicepresidente, soprattutto da Lucky Brand Jeans, Liz Claiborne, Williams Sonoma e Banana Republic.
 
In questo momento Philip Green sta subendo un crollo della sua immagine, in quanto la giustizia britannica lo incolpa della chiusura della catena britannica di negozi BHS nel 2016. Proprietario di Topman, Dorothy Perkins, Wallis, Miss Selfridge, Evans e Burton, il gruppo Arcadia ha realizzato nell’esercizio chiuso a fine agosto 2016 un fatturato di 2,01 miliardi di sterline, in calo di 50 milioni rispetto all’anno precedente. Il suo utile operativo è invece calato da 254 a 211 milioni di sterline.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Moda - AltroLusso - AltroNomine
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER