×
1 377
Fashion Jobs
BURBERRY
IT Project Manager
Tempo Indeterminato ·
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
11 nov 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Tod’s: fatturato 9 mesi a +37,6%, trainato da Cina (+79,5%) e Roger Vivier (+51,4%)

Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
11 nov 2021

Tod’s ha annunciato per i primi 9 mesi dell’esercizio fiscale un fatturato di 622,6 milioni di euro, in crescita del 37,6% rispetto allo stesso periodo del 2020, anche se ancora lievemente in calo sul 2019 (-6,9%). Nel terzo trimestre le vendite si sono attestate a 224,3 milioni di euro, a +14,6% rispetto al terzo trimestre 2020 e superiori anche al terzo trimestre 2019.


Roger Vivier traina la crescita del gruppo Tod's - rogervivier.com


“I ricavi del terzo trimestre hanno confermato il trend di miglioramento che abbiamo iniziato a registrare da qualche tempo. Siamo particolarmente soddisfatti nel constatare che, nel trimestre, i ricavi retail abbiano superato i valori del 2019 e che il mese di ottobre stia confermando questa accelerazione dei risultati di vendita”, ha commentato il Presidente e AD del gruppo, Diego Della Valle. “Tutti i marchi stanno progredendo bene e sono molto apprezzati dai nostri clienti in tutte le regions a livello mondiale. (…) Il mercato cinese cresce e continua a darci eccellenti risultati e, grazie alla clientela locale nei singoli Paesi, stiamo riscontrando un buon successo anche in tutto il resto del mondo. Molto importante la crescita del canale e-commerce, che sta dando eccellenti risultati, grazie agli investimenti fatti”.
 
Per quanto riguarda i differenti marchi, Roger Vivier è quello che ha registrato le performance migliori, con un incremento del 51,4% a cambi correnti, per un giro d’affari di 161,4 milioni di euro. Bene anche Tod’s, principale fonte di fatturato del gruppo, che ha totalizzato vendite pari a 296,1 milioni di euro (+40,1%); Hogan, in crescita del 21,8% a 133 milioni; e Fay, che nel periodo ha realizzato 31,5 milioni di euro di giro d’affari, in salita del 24,5%.

“La pandemia ha condizionato i risultati di vendita in tutte le aree geografiche, le categorie di prodotto e su entrambi i canali di vendita. L’andamento dei ricavi di ogni marchio riflette la sua composizione geografica e la sua struttura di distribuzione. Il marchio Roger Vivier è stato quello che ha registrato il migliore risultato nel periodo, mentre Hogan e Fay sono stati i marchi più influenzati dalla loro maggiore esposizione ai mercati italiano ed europeo e al canale wholesale. Siamo molto soddisfatti per i risultati del marchio Tod’s, che sta ricevendo riscontri molto positivi sulle collezioni autunnali, in tutte le categorie di prodotto, sin dal loro arrivo nei negozi”, precisa la società.
 
Su base geografica, la crescita superiore si è registrate in Greater China, che ha chiuso i primi 9 mesi a 224 milioni di euro, in salita del 79,5% sul 2020 e, dato ancor più significativo, del 45,4% rispetto al 2019; il terzo trimestre ha visto un rallentamento nella regione, a causa soprattutto del mercato giapponese. Le Americhe hanno realizzato nel periodo 41,4 milioni di ricavi (+68,9% sul 2020 e -13,1% sul 2019), ma hanno superato i livelli di due anni fa nel terzo trimestre. Infine, l’Italia si è attestata a 151,4 milioni (+22,2 sul 2020 e -22,5 sul 2019) e l’Europa a 127,2 milioni (+10,5% sul 2020 e -28% sul 2019); in entrambi i casi, nel terzo trimestre le vendite si sono avvicinate ai valori di fatturato di due anni fa.
 
Nel terzo trimestre il retail (che rappresenta il 72% del fatturato del gruppo) ha realizzato vendite pari a 155,7 milioni di euro 2021, superando del 5,8% il 2019; sui nove mesi (447,7 milioni di euro), la flessione rispetto a due anni fa si limita al -2,5%, mentre sul 2020, colpito da pandemia e conseguente chiusura dei negozi, il canale ha registrato una crescita del 47,1%. Bene l’e-commerce, che cresce a doppia cifra. Il wholesale ha invece scontato il ridimensionamento in atto a livello mondiale, registrando un fatturato di 174,9 milioni di euro nei 9 mesi, in calo del -16,6% sul 2019 ma comunque in salita del 17,9% rispetto allo scorso anno.
 
Infine, per quanto riguarda le differenti categorie merceologiche, il core business dell’azienda, le calzature, hanno realizzato nei 9 mesi un fatturato di 501,3 milioni di euro, in salita del +35,1% sul 2020, ma ancora in flessione del -6,5% sul 2019. Pelletteria e accessori hanno chiuso i nove mesi a 82,6 milioni (+59,5% sul 2020 e – 7,9% sul 2019) e l’abbigliamento a 38 milioni di euro (+29,4% sul 2020 e -10% sul 2019).
 
“I nostri siti produttivi sono ben organizzati per poter rispondere alla domanda crescente dei prodotti, garantendo il massimo della qualità possibile. La nostra focalizzazione ora è nello strutturarci sempre meglio e sempre di più per quanto riguarda la strategia di comunicazione e nell’adottare tutte le azioni necessarie a garantire l’alto posizionamento dei marchi”, conclude Della Valle. “L’ottimo trend di crescita delle vendite retail, superiori anche a quelle del 2019, ci fa ben sperare che l’incremento dei volumi di vendita, insieme all’attenta gestione dei costi di struttura, ci permetterà di migliorare anche la redditività del Gruppo”.

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.