Thom Browne passa nelle mani di Sandbridge Capitale

Sandbridge Capital è il nuovo azionista di maggioranza del marchio Thom Browne. Il brand di prêt-à-porter Uomo e Donna, lanciato nel 2003 dall'omonimo stilista newyorchese, dal 2009 era di proprietà del gruppo giapponese Cross Company, che ne deteneva il 67%.

Thom Browne, autunno-inverno 2016/17 - © PixelFormula

Cross Company ha ceduto una quota di maggioranza al fondo d'investimento statunitense Sandbridge Capital, che tra i suoi membri conta Tommy Hilfiger e l'ex boss di Gucci Domenico De Sole. Questi saranno anche coinvolti come consulenti nella nuova gestione della griffe.

L'informazione è stata rivelata in un'intervista concessa al magazine “WWD” da Ken Suslow, Managing Director di Sandbridge e futuro presidente non esecutivo di Thom Browne. Sandbridge Capital diventa dunque l'azionista di maggioranza del marchio americano, mentre Cross Company conserva una piccola partecipazione nella label.

Niente di più è stato specificato riguardo al valore della transazione, né sull'operazione, che dovrebbe essere completamente perfezionata entro la fine di marzo.

Nel suo portafoglio, il fondo con sede a New-York Sandbridge Capital conta numerose partecipazioni nell'universo della moda e della distribuzione di abbigliamento: Derek Lam, Tamara Mellon, Farfetch, Rossignol, Topshop e Karl Lagerfeld.

Dominique Muret (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Lusso - Prêt à porter Business
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER