×
1 078
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Adnkronos
Pubblicato il
11 giu 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Tessile, Vago (Smi): “Ultimo settore ad uscire dalla crisi, subito misure di sostegno”

Di
Adnkronos
Pubblicato il
11 giu 2021

Il tessile abbigliamento è il settore produttivo italiano che "uscirà per ultimo" dalla crisi innescata dall'emergenza sanitaria. Uno dei comparti della manifattura più colpiti dalla pandemia inizierà a vedere una vera ripresa solo all'inizio del prossimo anno. "Potremo osservare una ripresa del nostro settore dalle produzioni che verranno fatte all'inizio del 2022 per il secondo semestre del 2022", spiega Marino Vago, presidente di Smi, Sistema Moda Italia, la federazione del tessile e della moda. Quest'anno si sta registrando un aumento della produzione e delle vendite rispetto al 2020, ma il crollo dello scorso anno "è stato molto forte e, facendo un paragone sul 2019, le produzioni sono ancora molto in ritardo", sottolinea Vago, intervistato dall'Adnkronos.

Marino Vago - SMI


Per assicurare la tenuta del settore nell'immediato e una ripresa sostenibile nei prossimi anni, Smi ha presentato al governo alla fine di marzo un piano dettagliato di intervento. "Le risorse che chiediamo, fra gli 8 e i 10 miliardi di euro, sono da considerare un investimento che nel tempo dà un ritorno". Risorse pari a quelle destinate negli anni ad Alitalia, per un settore però da 45mila imprese, 400mila addetti e "sempre con la bilancia dei pagamenti attiva", ricorda Vago.

Per ora, continua, misure specifiche per il settore non sono ancora state approvate, "ma ci auguriamo che le nostre proposte possano essere accolte". In ogni caso il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, "ha assicurato che su quei temi la regia è del Mise e abbiamo in programma incontri con il Ministero della Transizione ecologica".

Se verranno attuati gli investimenti richiesti, nel 2023 "potremo tornare ai volumi pre-Covid e mettere le basi addirittura, se saremo in grado di seguire l'evoluzione del mercato e di integrare in modo funzionale la nostra filiera produttiva, per una ulteriore crescita", sottolinea il presidente di Smi. Le imprese del settore dovranno essere "ancora più creative e flessibili, le produzioni dovranno adeguarsi a una maggiore flessibilità, con una catena produttiva più integrata e smart, lavorando sotto diversi aspetti", come la digitalizzazione, la sostenibilità e la tracciabilità, con un investimento nella blockchain.

Nel frattempo le imprese del settore più colpito dalla crisi dovranno resistere. Anche sul fronte occupazionale. La cassa integrazione Covid, soprattutto per le piccole imprese, "è uno strumento importante per permettere di non perdere quelle professionalità che ci sono in azienda e a cui un imprenditore, se non ha spazi produttivi da riempire, magari è costretto a rinunciare", dice Vago. Se un imprenditore continua a usufruire della cassa Covid, "ne ha un beneficio dal punto di vista della salvaguardia delle professionalità e consente di scavallare questo periodo". In caso contrario "è giusto che abbia la possibilità di ristrutturare".

In ogni caso il settore del tessile-abbigliamento "non è ancora nella fase espansiva e in questo momento non vediamo una necessità di nuove assunzioni". Ma il problema, come Smi da tempo sottolinea, è "la carenza di figure professionali e la difficoltà di sostituire le persone che escono dal mondo produttivo".

A pesare sulla competitività del settore è anche il problema delle dimensioni delle imprese italiane. Con il fatturato dei due colossi francesi del settore, Lvmh e Kering, che è maggiore del giro d'affari complessivo del tessile italiano. Nonostante questo ostacolo, "alcuni gruppi industriali italiani stanno aumentando la loro parte industriale e stanno comprando fabbriche, perché si rendono conto che sono strategiche nel ciclo produttivo", continua Vago.

Quello delle dimensioni resta "un problema competitivo", come dimostrano le acquisizioni di marchi italiani da parte di gruppi francesi. L'inserimento in piattaforme radicate e presenti in tutto il mondo "ha permesso a prodotti di qualità di avere una vetrina globale, con fatturati e produzioni moltiplicate", sottolinea il presidente di Smi.

Ma ora, "anche se si mettessero insieme tutti gli imprenditori e le imprese italiane del settore, non arriverebbero alle dimensioni dei francesi. Quello che dobbiamo fare come sistema è di non essere gli uni contro gli altri armati". Il settore del tessile-abbigliamento è complesso, con distretti dedicati a matrice per lavorazioni e per fibre. "Ci presentiamo spesso in modo disunito: per chi arriva da Shanghai o Tokyo capire la differenza fra Biella e Como diventa difficile. Dovremmo presentarci al mondo come i risolutori dei problemi del tessile", conclude Vago.

Copyright © 2022 AdnKronos. All rights reserved.