×
1 393
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
YVES ROCHER
Digital Performance Marketing Specialist (Origgio-va)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
ULTIMA ITALIA S.R.L
Production And Sourcing CO-Ordinator (Production Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Estero
Tempo Indeterminato · PECCIOLI
CONFIDENZIALE
Europe Buying Manager Woman Ready to Wear
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
14 giu 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Tessile/Abbigliamento: la filiera europea mantiene la pressione su Bruxelles

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
14 giu 2021

L'industria europea dell'abbigliamento ha registrato un calo di fatturato del 17,7% nell'anno fiscale 2020, mentre l'attività tessile è scesa del 9,3%. Se il primo trimestre mostra qualche segnale di ripresa, la confederazione Euratex intende continuare a rafforzare la propria posizione, e continua ad avvisare Bruxelles sui pericoli di un sostegno troppo misurato e inadeguato al settore.

Una fabbrica tessile a Pazardjik, in Bulgaria - PixelFormula


Nell'esercizio 2020, la bilancia commerciale del tessile-abbigliamento è aumentata del 30%, passando a 62 miliardi di euro contro i 47 miliardi del 2019. Un dato impressionante che va però messo in prospettiva: come ha sottolineato FashionNetwork.com, le importazioni di mascherine di protezione individuale monouso, contabilizzate dalla dogana come importazioni tessili, hanno ampiamente contribuito a gonfiare le cifre.
 
“Questi dati illustrano molto bene le attuali discussioni politiche sul futuro dell'industria europea”, sottolinea Euratex. “Molte aziende europee hanno compiuto notevoli sforzi per adattare la produzione alla pandemia, ma questo chiaramente non è stato sufficiente. Che il costo di produzione in Europa sia troppo alto o che l'UE debba adattare le sue regole di approvvigionamento, l'industria deve disporre di un piano coerente a lungo termine per diventare più competitiva e conquistare nuovi mercati”.

Per la soddisfazione del comparto, Bruxelles ha fatto dell'industria del tessile/abbigliamento uno dei 14 ecosistemi essenziali dell'economia europea. Euratex ha comunque messo in guardia da diversi mesi su una strategia europea di rilancio che la confederazione ritiene inadatta alle specificità della filiera. Una filiera che deve, secondo i suoi rappresentanti, puntare su innovazione, crescita di gamma e potenziamento delle produzioni per distinguersi dalle produzioni asiatiche. Ma, per Euratex, il progetto legislativo prioritario resta la standardizzazione delle normative.

Il giro d'affari del tessile/abbigliamento europeo - Euratex


“Dobbiamo costruire un percorso di transizione basato su un dialogo onesto tra industria e decisori politici, al fine di garantire parità di condizioni", insiste ancora Alberto Paccanelli, presidente di Euratex. “Sono anche felice che Teko, l'associazione svedese delle aziende tessili e della moda (di cui fa parte anche il gruppo H&M, ndr.), sia tornata ad essere uno dei nostri membri. È il segno che il settore è unito. Ora è tempo che le istituzioni europee mantengano le loro promesse”.
 
Euratex ha recentemente annunciato che terrà la nona edizione della sua European Textile and Apparel Convention (Convention del tessile e abbigliamento europei, ndr.) i giorni 8 e 9 novembre, in concomitanza con la trentaseiesima “World Fashion Convention” (Convention mondiale della moda, ndr.) organizzata dalla federazione internazionale dell’abbigliamento (IAF). Entrambi gli incontri si terranno ad Anversa.

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.