×
1 544
Fashion Jobs
ANONIMO
Responsabile di Magazzino
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Communication Per Noto Brand Del Lusso
Tempo Indeterminato ·
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga IT Project Leader
Tempo Indeterminato ·
SELTIS HUB SRL
Autista Personale di Presidenza
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Responsabile Ufficio Tecnico
Tempo Indeterminato · NOLA
FOURCORNERS
Media Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
E-Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
FOURCORNERS
Sales Account
Tempo Indeterminato · REGGIO CALABRIA
CONFIDENZIALE
Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CVG GOLD
Senior Buyer Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Fabric Research Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Replenishment
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
District Manager Wycon - Calabria
Tempo Indeterminato · COSENZA
RANDSTAD ITALIA
Art Director
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
ROSSIMODA S.P.A.
Buyer Componenti Calzatura
Tempo Indeterminato · VIGONZA
FIRST SRL
Helpdesk IT Specialist
Tempo Indeterminato · RHO
DELL'OGLIO
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Digital Communication Project Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Lombardia/Piemonte- Settore Profumeria
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
24 apr 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Tessile/Abbigliamento: 66 federazioni nazionali chiedono agevolazioni doganali

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
24 apr 2020

Una filiera che si presenta così compatta e all’unisono non è un fatto comune. Mercoledì 22 aprile, ben 66 federazioni internazionali del tessile/abbigliamento hanno inviato un comunicato congiunto ai governi, in particolare per richiedere pagamenti differiti di tasse doganali per un periodo di 180 giorni.

Shutterstock


La lettera combina il who's who federale della filiera. Tra i firmatari figurano l'Intenational Apparel Federation (IAF), l'International Textile Manufactureres Federation (ITMF), l'American Apparel & Footwear Association, il British Fashion Council, la confederazione europea Euratex. Senza dimenticare il sottocomitato cinese per il tessile (CCPIT-Tex) e la China National Garment Association (CNGA), oltre alla World Federation of Sporting Goods Industry (WFSGI). Sono rappresentati anche Maghreb, Turchia, Egitto, Canada, e le nazioni del Sud-Est asiatico.
 
“Con la chiusura delle imprese, ricavi e cassa si sono prosciugati”, afferma la nota congiunta. “Il contrarsi della disponibilità di denaro liquido che ne è risultato ha colpito numerose aziende, i loro dipendenti e fornitori a vari livelli in tutto il mondo. I contratti vengono annullati, i lavoratori vengono licenziati, le fabbriche e le imprese sono chiuse. Ogni giorno che passa, questi danni si aggravano e vanno a nuocere sempre più alle parti interessate. Dobbiamo coordinare e accelerare i nostri sforzi per limitare e mitigare questi danni e garantire che non siano irreversibili”.

Le federazioni chiedono ai governi un pacchetto di misure di rilancio temporanee destinate ad aziende e lavoratori, e che siano flessibili e facilmente prolungabili a seconda delle necessità. Il comunicato stampa si fa più preciso per quanto riguarda le aspettative doganali. I massimi dirigenti della filiera chiedono una diminuzione dei dazi doganali per sostenere i flussi di cassa, con in particolare il differimento dei pagamenti per un periodo di 180 giorni. E una cancellazione quando si tratta di import/export di beni per la protezione personale. Infine, il documento reclama che non siano imposte nuove restrizioni commerciali durante il periodo di rilancio, sia sui prodotti finiti che sulle materie prime.
 
“Queste azioni nei prossimi 90 giorni non solo aiuteranno a dettare il ritmo al quale potremo recuperare, ma diranno tanto su chi siamo come industria e come professionisti”, indica il comunicato. “I nostri comparti toccano letteralmente tutti sul pianeta, e noi abbiamo un impegno permanente – verso i nostri lavoratori e consumatori – per fare in modo che l’industria che uscirà da questa crisi sia responsabile, sostenibile, vitale e sana”.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.