×
1 585
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Credit Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO S.P.A
Digital Acqusition Media Specialist Appartenente Alle Categorie Protette Legge 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Wholesale Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Media Strategist, Native Content & Affiliates
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Responsabile Sviluppo Franchising - Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Talent Acquisition Partner
Tempo Indeterminato ·
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Export Area Manager- Russian Speaker
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO S.P.A
Retail Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Head of Supply Chain Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
International Wholesale Manager - Fragrances
Tempo Indeterminato · LUCCA
247 SHOWROOM
Regional Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Emea CRM Coordinator & Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
FENICIA SPA
Responsabile Acquisti Donna (Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
ALANUI
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
TRUSSARDI
General Accounting Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Prodotto
Tempo Indeterminato · TORINO
FOURCORNERS
CRM Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Paid Media Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Wholesale E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
9 apr 2019
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Tadao Ando, all'Armani/Silos continua la sua ricerca del bello

Di
Ansa
Pubblicato il
9 apr 2019

"Perseguire la bellezza fino alla fine, continuamente". Questo il senso del lavoro del maestro dell'architettura Tadao Ando, esposto nella mostra “The challenge”, allestita negli spazi di Armani/Silos in occasione del Salone del mobile.

Tadao Ando - @armanisilos


"L'anno scorso avevo allestito questa mostra al Centre Pompidou e Armani, quando è venuto a visitarla”, racconta Ando, “mi ha proposto di allestirla a Milano, ho accettato con grande piacere perché sono sempre stato impressionato dalla sua figura, dalla sua attenzione ai materiali, alle forme, alla sensibilità: mi ha trasmesso questo senso di responsabilità per ciò che fa e, finché vivrò, per quanto possibile, voglio mantenere la stessa attenzione".

A rappresentare questo concetto, all'ingresso della mostra, Ando ha voluto mettere una mela verde che rappresenta "un invito a mantenere lo spirito di freschezza proprio di questo frutto". Come fresco è lo spirito di questo 77enne devoto alla bellezza e appassionato dell'Italia: "Si dice che il Giappone abbia una notevole forza economica, ma nei luoghi di lavoro sono sempre tutti stanchi e tristi, invece in Italia gli operai in cantiere si divertono, bevono vino e lavorano con passione, io chiedo se possono guidare lo stesso ma loro”, scherza, “non hanno timore".

Se dell'Italia ama il Pantheon e Michelangelo, Giò Ponti e Aldo Rossi, Ando non nega che gli piacerebbe lavorare ancora con Armani, per cui ha progettato il teatro di via Bergognone, che ospita sfilate ed eventi. "Quando a Parigi ho progettato un museo di arte contemporanea, all'interno della borsa del Commercio, so che c'è stata una forte reazione, ma io fortunatamente”, scherza ancora, “non parlo francese! I francesi parlano parlano, non so cosa dicono e a volte è positivo non capire. Con Armani non c'è problema perché ci leggiamo il cuore a vicenda e così lavoriamo insieme".

Certo, non tutti i committenti sono uguali: "C'è strana gente come Kanye West e Pharrell Williams che mi chiede un progetto, ma tante richieste vengono anche dalla Cina, da quando sanno che ho perso 5 organi pensano che io porti fortuna".

Dopo l'intervento che l'ha privato di parte dell'apparato digerente”, racconta, "a pranzo riposo e studio, non ho mai studiato così tanto e non ho mai avuto così tanta energia, che è fondamentale”, sottolinea l'architetto classe 1941, “per vivere bene a lungo". Per creare qualcosa di bello e che duri nel tempo, invece, i principi sono tre: "qualità dei materiali, colore e forma". Capisaldi sempre applicati ai suoi progetti come la 'church of the light', una chiesa con una croce intagliata nel muro dell'abside, per cui ha ricevuto un premio dal Vaticano: "Mi hanno consegnato 20 milioni di yen e sono rimasto molto sorpreso, evidentemente”, ride,“il Vaticano è molto ricco!".

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.