×
1 504
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Swarovski sceglie Milano per inaugurare il primo store concept Crystal Studio

Pubblicato il
today 17 ott 2019
Tempo di lettura
access_time 4 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Swarovski conferma il proprio legame particolare con l’Italia scegliendo il nostro Paese per lanciare in anteprima mondiale, a Milano, nel negozio di via Dante, il nuovo store concept Crystal Studio, realizzato in collaborazione con lo studio milanese Patricia Urquiola e basato sui concetti di interazione e digitalizzazione.

Swarovski rinnova lo store di via Dante con il concept Crystal Studio - Swarovski

 
“Negli ultimi 12 mesi abbiamo condotto diversi test in vari negozi con l’obiettivo di provare differenti modalità per far vivere alla nostra clientela una nuova shopping experience, in linea con l’evoluzione del brand”, ha raccontato a FashionNetwork.com Massimo La Greca, Managing Director Italia e Penisola Iberica di Swarovski. “Abbiamo riunito tutte queste innovazioni nel nuovo store, scegliendo Milano in quanto importantissima capitale della moda e del design”.
 
“Il retail è cambiato molto negli ultimi 5 anni, grazie alla sempre maggiore integrazione online-offline e all’omnichannel. Abbiamo aderito a questa filosofia per creare nuove esperienze in store, non concentrandoci più solo su quello che in passato era l’elemento principale di un negozio, l’aspetto estetico”, aggiunge Robert Buchbauer, Chairman dell’Executive Board e CEO di Swarovski Consumer Goods Business. “Abbiamo testato in varie città delle digital experiences e, visto il grande successo, abbiamo deciso di farlo diventare un vero e proprio format, partendo da Milano, grazie all’aiuto di Patricia Urquiola”.

Il nuovo store concept punta su digitalizzazione e interazione - DR

 
Crystal Studio è stato progettato per collocare il cliente e le sue esigenze al centro, incoraggiando sperimentazione, creatività e spontaneità. I touch point digitali interattivi puntano non solo a migliorare il processo di acquisto, ma anche a creare uno spazio accogliente. I materiali e i colori hanno un ruolo fondamentale nel design, con una scelta di materie prime che richiama l’atmosfera di uno “studio”, in contrasto con una palette di colori caldi. Sui pavimenti in porcellana grigia, gli espositori si presentano come vetrine aperte e modulari definite da una rete metallica color oro rosa.

Cuore del negozio è lo “Sparkle Bar”, una postazione dove i clienti possono scoprire nuovi prodotti e creare nuovi look con i gioielli grazie alla consulenza degli esperti Swarovski. Gli specchi offrono diverse possibilità di illuminazione e gli screen digitali consentono di accedere ai consigli di stile proposti dalle influencer della community di Swarovski.
 
“Quando sono arrivato in azienda tre anni fa, la sfida era di testare qualcosa di completamente nuovo per Swarovski, realtà storica e molto consolidata. Il nuovo concept sarà replicato in diverse parti del mondo e in contesti differenti; sarà quindi sempre "su misura" in base alle caratteristiche delle varie location e ai gusti dei consumatori locali”, ci ha spiegato Michele Molon, Executive Vice President Omnichannel and Commercial Operations & Member of the Management Board di Swarovski. “La prossima tappa sarà in uno shopping mall a circa un’ora da Parigi, dove apriremo uno spazio più piccolo rispetto a quello di Milano, circa 60 mq; sempre entro l’anno, nella capitale francese inaugureremo anche una prima concession con DFS, uno shop-in-shop di una ventina di mq, all'interno dello splendido edificio la Samaritaine, in Rue de Rivoli”.

 
Entro l’anno Crystal Studio approderà anche a Shanghai, Beijing, Los Angeles e Hong Kong, per poi sbarcare nel 2020 a Londra in Oxford Street e a Tokyo, nel quartiere di Ginza: “Lo apriremo prima delle Olimpiadi e sarà il più maestoso”, rivela Molon. “Più avanti rinnoveremo con il nuovo concept anche lo storico negozio Swarovski di Innsbruck; per il 2020 sono previsti un centinaio di restyling”.
 
Anche in Italia il progetto proseguirà l’anno prossimo, per il primo trimestre sono già previsti due Crystal Studio, di cui uno in uno shopping mall di Torino, per arrivare a un totale di dieci entro il 2020.
 
“Crystal Studio ha l’obiettivo di far scegliere al cliente la modalità di acquisto che preferisce; questa per noi è omnicanalità, la vera evoluzione del retail. Oggi i consumatori sotto i 30 anni si informano moltissimo per creare il loro stile, non ci si può più imporre. Il nuovo store dà ai clienti la possibilità di diventare dei brand ambassador virtuali di Swarovski; vogliamo eliminare le distanze tra il marchio e le persone, permettere loro anche solo di fare un experience in store”, prosegue Molon. “Sul fronte online stiamo creando partnership molto forti, come quella con Zalando; se le vendite offline aumenteranno a una cifra quest’anno, per l’e-commerce, sia diretto che indiretto, ci aspettiamo una crescita molto importante”.
 
Fondato nel 1895 in Austria, Swarovski ha aperto il suo primo store a Wattens nel 1983; oggi l’azienda, guidata dalla quinta generazione di famiglia, vanta una rete globale di circa 3.000 negozi in 170 Paesi, oltre 29.000 dipendenti e un fatturato di circa 2,7 miliardi di euro nel 2018.
 
Il primo mercato di riferimento in assoluto per il marchio è la Cina, seguito dagli Stati Uniti. A livello europeo in pole position la Francia, seguita a distanza sempre più ravvicinata dall'Italia, che pesa per circa il 10% sul giro d’affari globale; Germania, Austria e Svizzera formano il terzo blocco europeo, prima di Spagna e Portogallo, che stanno crescendo molto.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.