×
1 361
Fashion Jobs
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
International Business Development (241.lf.44)
Tempo Indeterminato · USMATE VELATE
CONFIDENTIAL
E-Commerce-Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
NUOVA TESI
Responsbaile Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · MODENA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato ·
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale Settore Accessori Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
MARNI
Specialista Tesoreria e co.ge
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Retail Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Trainer Skincare
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Retail Analyst
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Regional Visual Merchandising Manager German Speaker
Tempo Indeterminato · LUGANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Buyer Man Appareal - Retail Fashion Company
Tempo Indeterminato ·
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Head of Direct Procurement
Tempo Indeterminato ·
PVH ITALIA SRL
Legal Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
IL GUFO SPA
Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Consumer Campaign Manager
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Planning Analytics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Product Marketing Manager- Azienda Accessori Luxury- Sesto San Giovanni
Tempo Indeterminato · SESTO SAN GIOVANNI
Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
30 gen 2018
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Svizzera: le esportazioni di orologi risalgono del 2,7% nel 2017

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
30 gen 2018

L'export di orologi svizzeri ha registrato un aumento del 2,7% nel 2017, guidato dalla Cina e dalla ripartenza di Hong Kong, ponendo così fine a due anni di ribassi, ha annunciato la federazione elvetica dell’orologeria (FH).

AFP / Fabrice COFFRINI


Sulla totalità dell’anno, le esportazioni verso Hong Kong, il primo mercato per i produttori di orologi elvetici, sono cresciute del 6%, balzando di un +18,8% verso la Cina, il terzo maggior mercato, dove la ripresa è già iniziata a metà 2016. In compenso, l’export verso gli Stati Uniti, secondo mercato per l’orologeria svizzera, è calato del 4,4%, e ha vissuto un'evoluzione contrastante in Europa, secondo le statistiche pubblicate dalla federazione degli orologi.
 
Mentre le esportazioni di orologi sono cresciute del 7% verso il Regno Unito, sono in compenso rimaste stabili in Italia e si sono contratte del 2,2% verso la Germania, e dello 0,4% verso la Francia, un mercato che in parte dipende dagli acquisti dei turisti. Tuttavia, l’erosione è nettamente meno marcata di quella del 2016, quando il calo delle esportazioni verso la Francia aveva raggiunto il 19,6%. Le esportazioni di orologi verso il Giappone, altro mercato importantissimo per i beni di lusso, sono scese del 2,6%.

Il settore dell’orologeria esce da due anni difficili, nei quali ha vissuto alterne fortune. Le battute d'arresto sono iniziate alla fine del 2013, con l'introduzione di misure anticorruzione in Cina che proibivano i regali di oggetti lussuosi e stravaganti, che avevano pesato sulle vendite di segnatempo di lusso. La successiva Rivoluzione degli Ombrelli a Hong Kong ha invece fatto fuggire i turisti cinesi che venivano nell’ex protettorato britannico a fare acquisti.
 
L’ondata di attentati in Europa aveva poi seriamente compromesso gli acquisti turistici. Le esportazioni di segnatempo elvetici erano quindi calate del 3,3% nel 2015 e del 9,9% nel 2016.
 
Nel solo mese di dicembre, le esportazioni sono aumentate solamente dello 0,7%, ha riferito la FH in un comunicato. "Hong Kong (+11,8%) e la Cina (+12,3%) hanno confermato la loro dinamica di slancio sostenuto", ha precisato ancora la FH nella nota. Negli USA, l’export è invece diminuito del 9,5%, e si è evoluto a macchie di leopardo in Europa, dove si è contratto in media dell’1,5%.

Copyright © 2021 AFP. Tutti i diritti riservati.