×
1 558
Fashion Jobs
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
PAUL&SHARK
Area Manager Outlet - Centro Sud
Tempo Indeterminato · VARESE
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
23 gen 2018
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Surrealismo con un tocco femminista da Dior

Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
23 gen 2018

Dal suo arrivo alla direzione artistica di Dior, Maria Grazia Chiuri ha promosso una “campagna femminista” nel mondo della moda. E per questa stagione, la stilista ha aggiunto un tocco di femminismo alla collezione presentata all’Alta Moda di Parigi.

Christian Dior Haute Couture primavera/estate 2018 - Dior


Dalla scenografia, al trucco, alla collezione, lo show è stato un omaggio a Leonor Fini, una surrealista argentina famosa negli anni ’30, che viveva tra Roma e Parigi, dove si è svolta la sua prima mostra, proprio nella galleria personale di Monsieur Christian Dior.
 
Impossibile non amare le deliziose combinazioni di gilet dal taglio maschile e gonne in tulle; davvero splendide le tuniche in merletto e gli abiti da cocktail in pizzo grigio con dettagli neri.

Dopo appena due anni in quell’istituzione parigina che è Dior, la romana Chiuri sa molto bene come guidare il suo atelier: i suoi abiti da sera con ricami a testa di cinghiale erano davvero teatrali. E la colonna di tulle ornata di lustrini argentati che sembravano una replica esatta del busto femminile avrebbe sicuramente scatenato una standing ovation da parte di Man Ray.
 
Per le donne che lavorano c’erano molte proposte di alta sartoria, come le bar jacket reinventate come smoking da uomo. E per momenti meno formali, una mezza dozzina di look semitrasparenti, con reti e tessuti combinati in modo artistico.
 
Ad aumentare l’effetto, molte delle modelle indossavano maschere in tulle nero e metallo dorato e orecchini a forma di grandi occhi sbarrati. Attorno al loro collo, finti tatuaggi con molti termini artistici.
 
“Leonor Fini è stata l’incarnazione dell’idea, rivoluzionaria per i suoi tempi, che una persona deve sempre rimanere indipendente e reinventarsi come una rappresentazione di tutte le realtà possibili”, ha scritto Maria Grazie Chiuri nel programma della sfilata, esprimendo alla perfezione la sua visione della collezione.
 
“Reinventarsi” era anche il leitmotiv della prima fila, zeppa di supermodel e grandi attrici: come le star della passerella Erin O’Connor, Natalia Vodianova, Arizona Muse e le dee del grande schermo Gemma Arterton, Emily Blunt e Clotilde Courau. A testimonianza del sempre più grande potere di Dior.
 
“Meraviglioso!”, ha esclamato Bernard Arnault, presidente di LVMH, che detiene Dior, dopo aver accompagnato gli ospiti nel backstage di questo sogno retro-surrealista.
 
Orecchie, braccia, nasi e piedi in plastica dalle dimensioni enormi pendevano dal soffitto, fino allo spazio creato nel giardino del Musée Rodin, passando per i tendaggi ecrù: ci si sentiva davvero trasportati negli anni ’30. E questa è una delle debolezze della collezione: i capi sono tutti ben riusciti, in alcuni casi davvero belli, ma sembrava di essere in un “viaggio nel tempo” della moda verso il passato, piuttosto che proiettati nel futuro.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.